Il derby tra Lazio e Roma: i precedenti che hanno scritto la storia

Ogni anno Lazio e Roma mettono in scena uno dei derby più famosi al mondo: scopriamo quali sono stati le 5 sfide che hanno fatto la storia della stracittadina capitolina.

Ci sono partite che rimangono nella storia. Ci sono partite che ogni appassionato di calcio cerchia sul proprio calendario con settimane d’anticipo. I derby sono questo tipo di partite, delle sfide che regalano ai tifosi una scarica di emozioni spesso indescrivibili.

Il derby della capitale tra Lazio e Roma è una sfida ricca di precedenti tra prodezze calcistiche e sfottò fra le curve. Vincere la stracittadina romana è un qualcosa che vale più dei tre punti in palio: trionfare sui rivali significa diventare i padroni della capitale…almeno fino alla sfida successiva!

Il derby Lazio-Roma: i precedenti più illustri

Il primo derby della capitale avvenne l’8 Dicembre 1929, con la vittoria dei giallorossi grazie al gol di Rodolfo Volk.

Ad oggi, con quello di Gennaio 2020, sono 154 i derby di campionato e 20 quelli tenutesi in Coppa Italia. In questo bilancio è la Roma a sorridere, con 65 vittorie totali contro le 46 biancocelesti. Tra queste numerose partite andiamo a vedere i 5 derby che sono rimasti più impressi nella storia delle due formazioni capitoline.

13 Novembre 1960, Lazio-Roma 0-4

Per molti tifosi romanisti il derby più bello del secolo scorso è quello dell’Ottobre 1983, ricordato dai più per lo splendido striscione della Sud con scritto “Ti Amo”.

Nonostante ciò la vittoria più netta per i giallorossi fu quella del 1960, con un poker in casa della Lazio.

Nel derby d’andata la Roma di Alfredo Foni dominò la Lazio grazie a una impressionante prestazione di Pedro Manfredini, che realizzò una tripletta nei primi 37’ minuti. Fu di Orlando il quarto gol che sancì la definitiva umiliazione laziale. Inoltre quella stagione rimane nella memoria dei tifosi romanisti non solo per la vittoria della Coppa delle Fiere, ma anche per la soddisfazione della retrocessione in B della Lazio.

25 Marzo 2000, Lazio-Roma 2-1

Dopo la sconfitta per 4-1 nella gara di andata, la Lazio di Eriksson era chiamata al riscatto contro i rivali di sempre. Per i biancocelesti fu uno snodo importante della stagione. L’inizio non fu dei migliori: la Roma, galvanizzata dallo striscione “4 salti in padella” esposto dalla curva, passò subito in vantaggio grazie a una rete di Montella. A metà primo tempo arrivò il pareggio di Pavel Nedved. A decidere quella partita fu però una magica punizione di Veron, che non lasciò scampo a Lupatelli.

La vittoria in quel derby permise ai biancocelesti, non solo di vendicarsi, ma anche di ottenere tre punti importanti per la classifica, che alla fine dell’anno li avrebbe visti in vetta. Per la Lazio quello ottenuto a Maggio fu il secondo scudetto della sua storia. Per i romanisti fu una doppia delusione, che si sarebbe poi trasformata in felicità l’anno successivo, quando a vincere il campionato fu proprio la formazione giallorossa.

LEGGI ANCHE: La storia degli Europei: dal 1960 ad oggi

11 Marzo 2002, Lazio-Roma 1-5

Il derby del Marzo 2002 fu per i giallorossi, campioni d’Italia in carica, un successo storico. Una partita dominata dal primo all’ultimo minuto, con una Lazio mai in grado di impensierire i cugini.

Eroe di serata fu Vincenzo Montella grazie alle quattro reti segnate: mai nessuno era mai stato in grado di realizzare un poker in un derby capitolino. A coronare una serata magica fu il gol di capitan Totti con uno dei suoi cucchiai. Celebre è la sua esultanza con la corsa sotto la curva Sud lo sfoggio della maglietta con su scritto “6 unica!” dedicata alla moglie Ilary Blasi.

totti derby 2002

26 Maggio 2013, Roma-Lazio 0-1

Per la prima volta nella loro storia Roma e Lazio si trovarono di fronte in una sfida con in palio un trofeo. Per il sesto anno consecutivo l’atto conclusivo del torneo si sarebbe tenuto all’Olimpico, regalando così la cornice perfetta alle due formazioni. Per i giallorossi di mister Andreazzoli quella finale era l’occasione di guadagnarsi la stella d’argento, premio che viene assegnato a chi vince per più dieci volte la Coppa Italia. Inoltre in palio per i vincitori c’era anche un posto in Europa League.

La tensione prima della partita era netta, con due squadre alla ricerca di un successo sia storico sia salva-stagione. Per gran parte dei 90 minuti quella del 26 Maggio 2013 non fu una bella partita, caratterizzata dalla prudenza e dalla paura di scoprirsi. A decidere l’incontro, a favore della Lazio, fu il gol di Lulic al 73′ propiziato da una giocata di Candreva. Per la Roma fu un l’ennesima delusione di una stagione pessima, per gli uomini di Petkovic fu invece una soddisfazione immensa e un posto fisso nella storia della Lazio.

lazio lulic 2013

11 Gennaio 2015, Lazio-Roma 2-2

Entrambe le formazioni giunsero al Derby con un’ottima classifica. La Roma nutriva speranze di scudetto, mentre i cugini ambivano ad un successo per continuare a sperare in un posto in Champions. La sfida fu caratterizzata da un tempo per uno. Nella prima frazione a dominare fu la Lazio di Stefano Pioli: i gol al 25′ di Mauri e al 29′ di Felipe Anderson sembravano aver dato una netta direzione alle sorti dell’incontro.

Questo derby però era destinato a rimanere nella storia. Nel secondo tempo Francesco Totti, top scorer della storia della stracittadina con 11 reti, decise di salire in cattedra. Grazie ad un doppietta tra il 46′ e il 64′, Er Pupone regalò ai tifosi della Roma una magica rimonta. Celebre è rimasta la sua esultanza con il selfie sotto la curva, che mandò in visibilio il popolo giallorosso.

Per le due romane quella fu un’ottima stagione: entrambe riuscirono a entrare in Champions, grazie al secondo (Roma) e terzo (Lazio) posto in classifica, con un solo punto di distanza l’una dall’altra.

LEGGI ANCHE: La storia del calciomercato: dagli scambi di provincia ai Top Players

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le tenniste italiane più forti di sempre: la classifica

Esercizi di resistenza per la schiena: i migliori da fare a casa

Leggi anche
Contents.media