La storia di Agnes Keleti: la ginnasta più longeva della storia

Storia e successi dell'atleta ungherese Agnes Keleti sopravvissuta all'Olocausto.

Agnes Keleti, 100 anni e una storia di vita, oltre che di sport, tutta da raccontare. Nata nel 1921 a Budapest, è diventata la ginnasta ungherese più longeva della storia. Parliamo dell’olimpionica vivente più anziana con un palmares di ben 10 medaglie ottenute nei Giochi che vanno a completare il profilo di una donna, ebrea, riuscita a sfuggire all’Olocausto fingendosi una domestica cattolica.

Agnes Keleti: la sua storia

La vita e la carriera di Agnes Keleti, 100 anni compiuti il 9 gennaio 2021, raccontano di una forza e una passione che sono andati oltre le peripezie e le tragedie vissute. L’amore per la ginnastica l’ha portata a sopravvivere alla seconda guerra mondiale e soprattutto all’Olocausto che gli ha portato via gran parte della famiglia, padre compreso, perduto nei campi di concentramento ad Auschwitz insieme ad altri 550.000 ebrei ungheresi.

La sua storia è davvero unica e parla di una ragazza capace, insieme alla sorella e alla madre, di assumere una falsa identità con tanto di documenti che ne accertassero la fede cristiana, per sopravvivere. Come più volte dichiarato dalla stessa Keleti, però, il passato è passato e, nonostante i 100 anni, è meglio guardare al futuro. Un futuro, ma soprattutto un presente, che la vede essere l’atleta più longeva della storia della ginnastica mondiale.

I successi

A 16 anni si laureò per la prima volta campionessa ungherese di ginnastica mentre venne chiamata a far parte della nazionale ungherese nel 1939. La Keleti vince il suo primo titolo l’anno successivo prima di doversi fermare a causa della guerra. L’exploit sportivo, però, avviene tra i Giochi di Helsinki del 1952 e i Giochi di Melbourne del 1956 quando riesce a vincere ben 10 medaglie e, insieme all’ex ginnasta sovietica Larisa Latynina, fu l’atleta a vincerne di più. Di queste medaglie, sono 5 quelle del metallo più prezioso.

Nello specifico ad Helsinki vinse l’oro nel corpo libero, l’argento nel concorso a squadre e il bronzo nella ginnastica con attrezzi e nelle parallele asimmetriche. In Australia, invece, vince l’oro nel corpo libero, nella trave, nelle parallele asimmetriche e nella ginnastica con attrezzi. Si deve accontentare di 2 d’argento nel concorso a squadre e concorso individuale.

In mezzo alle due Olimpiadi, anche il Mondiale a Roma del 1954 nel quale vince un oro, un argento e un bronzo. Da sottolineare come le capacità della Keleti vanno oltre anche la carta d’identità dato che le sue vittorie – avvenute tra i 31 e i 35 anni – avvengono quasi sempre contro avversari più giovani.

Nel 1957, praticamente subito dopo le Olimpiadi di Melbourne, Agnes Keleti decide di non fare ritorno in Ungheria a causa della Rivoluzione che era scoppiata prima dei Giochi. A quel punto si trasferisce in Israele dove qualche tempo dopo sposa un insegnante di sport, anche lui ungherese, Robert Biro, con il quale avrà poi due figli. Decide di ritirarsi dalle competizioni sportive e diventare anche lei istruttrice.

Sarà insegnante di educazione fisica all’Università di Tel Aviv e al Wingate Institute a Netanya. Negli anni ’90 allenò e lavorò per la squadra nazionale israeliana di ginnastica. Oggi vive in Ungheria, dove è tornata da qualche anno per trascorrere serenamente la sua vita.

LEGGI ANCHE: La storia delle Olimpiadi: dalla nascita ai giorni nostri

Scritto da Andrea Medda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Elia Viviani tranquillizza tutti

Schwartzman ricorda il suo amico Maradona

Leggi anche
Contents.media