Pugilato, niente Olimpiadi per Clemente Russo

Il puglie: "Non trovo le parole per descrivere le sensazioni che provo".

Clemente Russo non parteciperà torneo europeo di Qualificazione Olimpica, il cui inizio è fissato per il prossimo 4 giugno a Parigi.

Il campione di Marcianise, pur essendo tra i partecipanti nel marzo 2020 al kermesse di qualificazione londinese, sospesa per l’esplosione della pandemia Covid-19, non potè combattere causa indisposizione, perdendo agli ottavi per Walk Over.

L’atleta ha provato a richiedere alla Boxing Task Force del CIO, delegata alla organizzazione della competizione olimpica, una wild card per essere ammesso a Tokyo 2020, a cui è seguita analoga iniziativa da parte sia della FPI che dal CONI, in primis con il Presidente Malagò. Richiesta che, sfortunatamente, non è stata accolta.

A Russo sarà impedito, quindi, di partecipare alla 5° edizione dei giochi olimpici consecutivi e di centrare un record assoluto per un pugile.

Il Presidente D’Ambrosi e tutta la FPI saranno al fianco di Clemente, in qualsiasi decisione egli voglia prendere per il suo futuro professionale.

“Non trovo le parole per descrivere le sensazioni che provo. Un pugno dritto allo stomaco, di quelli che ti lasciano senza fiato. A un passo da Tokyo 2020, vedo sfumare la possibilità di poter partecipare al torneo di qualificazione. Non c’è una Wild Card a disposizione per l’Italia ma, fino a prima dell’inizio delle Olimpiadi, continuerò ad allenarmi duramente nella speranza che qualcosa possa cambiare e mi venga data la possibilità di giocare le mie carte.

Ci arriverei con due ori Mondiali e due argenti Olimpici in quattro edizioni dei Giochi. Questa è storia, nessun potrà mai togliermela. Posso ritenermi un pugile e un uomo fortunato. Un uomo che si è fatto solo, con le proprie mani e che non ha mai avuto sconti da nessuno. Sono felice del percorso fatto fino ad oggi; porto tanti meravigliosi ricordi sportivi nel cuore. Nel futuro, oltre a dedicarmi anima e cuore alla famiglia, cercherò sicuramente di ritagliarmi anche un ruolo attivo nel mondo del pugilato. Penserò a ridare qualcosa allo sport, che mi ha sempre dato tanto, e che è la stella polare della mia vita e di quella dei miei cari. Le nostre tre meravigliose bambine, Rosy, Janet e Jane, fanno già sport a buoni livelli e con grande passione, come mamma e papà. La gemellina Janet ha già le idee molto chiare e ha scelto la boxe! Se buon sangue non mente sarò presto di nuovo a bordo ring”, ha così commentato Clemente Russo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chi è Maurizio Arrivabene, il nuovo dirigente della Juventus

Sonny Colbrelli vince la terza tappa del Giro del Delfinato

Leggi anche
Contents.media