A quanto ammonta il patrimonio di Paola Egonu? Lo stipendio

Il contratto con il VafikBank Instambul che copre d'oro Paola Egonu

Tutta Italia ha potuto rivederla in diretta giovedì 9 febbraio a Sanremo., contesto decisamente diverso dal campo da pallavolo, ma che nel quale è riuscita a cavarsela tra polemiche attacchi gratuiti e domande sui tatuaggi. Stiamo parlando di Paola Egonu, simbolo della pallavolo femminile italiana, che al momento gioca in Turchia al VakifBank Istanbul.

Quanto guadagna Paola Egonu?

All’inizio della stagione 2022-23, Egonu è passata dalla sua Conegliano, club con il quale aveva ormai vinto tutto ciò che c’era da vincere, al VakifBank Instambul, una delle più blasonate squadre del campionato turco.

In Turchia la pallavolo è sport nazionale, giocato ad altissimi livelli dalle migliori giocatrici del mondo e, di conseguenza, anche i soldi che girano sono molti più che in Italia.

Se la Egonu, tra le migliori opposte al mondo ormai da diversi anni, guadagnava già una cifra enorme per la pallavolo femminile già a Conegliano: 400.000 euro l’anno, con il trasferimento in Turchia l’ingaggio è più che raddoppiato: al VakifBank Instambul Paola guadagna più di 1.000.000 euro l’anno, cifra mostre che la rende una delle giocatrici più pagate al mondo.

Bisogna tenere però conto che queste non sono cifre ufficiali, ma stimate dalla Gazzetta dello Sport. A differenza che in altri sport infatti, nella pallavolo non è obbligatorio mostrare al pubblico le cifre ufficiali dei contratti.

Da aggiungere però a questi introiti già decisamente ingenti, anche le varie campagne pubblicitarie di cui la Egonu è stata il volto, certamente molto remunerativa è stata la collaborazione con Barilla per esempio, ma ve ne sono altre. Al momento i marchi sponsor della pallavolista sono Emporio Armani e Dao_sport. Oltre a questo ha scritto un libro: “18 segreti per diventare stelle”.

Ovviamente anche per la partecipazione al Festival di Sanremo, del quale è stata ospite alla terza serata, Paola Egonu ha avuto un cachet. Le cifre ufficiali non sono state pubblicate ma dovrebbe trattarsi di una cifra tra i 15 ed i 20 mila euro.

La carriera di Paola Egonu

Nata il 18 dicembre a Cittadella, provincia di Padova da genitori nigeriani. La pallavolo è fin da piccola la sua grande passione e grazie alle sue incredibili doti atletiche e tecniche passa rapidamente da giocare in B1, A2 e A1 con il Club Italia. Nel 2015 la prima convocazione con l’Under 18 italiana sa già di predestinata. 4 stagioni passate nel Club Italia (fucina di talenti per la nazionale) la formano, passa poi all’AGIL Novara, con il quale vince la Supercoppa Italiana nel 2017, due Coppe Italia e la Champions del 2018-19. Il passaggio all’l’Imoco Volley di Conegliano porta anche in questo caso successi non da poco: due Supercoppe Italia, il Campionato mondiale per club 2019 due Coppe Italia lo Scudetto 2020-2021 e la Champions League 2020-2021. Insomma a soli 23 anni la Egonu ha già un palmarès da prima della classe, soprattutto se unito a quanto raccolto con la Nazionale italiana: nel 2017 vince la medaglia d’argento al Word Grand Prix, nel 2018 un altro argento, questa volta al campionato mondiale. Nel 2019 un bronzo al campionato europeo, superato poi dalla vittoria della medaglia d’oro nel 2021, battuta in finale la Serbia. L’ultima medaglia conquistata è ancora quella di bronzo, questa volta ai mondiali del 2022 in Olanda.

Scritto da Gabriele Vecchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chi è Alessandro Buongiorno? Il difensore granata laureato in Economia

La storia del cliff diving: regole e rischi dello sport estremo

Leggi anche
  • dsc3871 scaled 1 1024x684 1Tatuarsi è Doloroso?

    Il tatuaggio è un’arte che ha guadagnato enorme popolarità negli ultimi anni. Tuttavia, una delle domande più comuni che le persone si pongono prima di fare un tatuaggio è: “Tatuarsi è doloroso?”.

  • rafting republic rafting vale aosta 1Rafting in Italia: avventura, emozione e natura

    In Italia, il rafting è un’attività che sta guadagnando sempre più popolarità grazie alla bellezza dei paesaggi fluviali e alla varietà di percorsi disponibili.