Chi era il pugile violento che uccise la moglie e la gettò dal balcone: tutto su Carlos Monzón

Scopriamo insieme chi era Carlos Monzón

Carlos Monzón è stato uno dei pugili più temuti e rispettati della sua epoca, dominando la categoria dei pesi medi dal 1970 al 1977. Tuttavia, la sua carriera fu oscurata da un evento tragico e violento che lo condusse in prigione e segnò per sempre il suo nome nella storia degli sportivi controversi.

Chi era Carlos Monzón

Carlos Monzón, nato il 7 agosto 1942 a San Javier, Argentina, proveniva da una realtà difficile. Cresciuto in condizioni di povertà, ebbe un’infanzia segnata dalla malattia, dalla violenza e dalla lotta per la sopravvivenza.

Il suo fisico imponente e la sua forza lo indirizzarono verso il pugilato, dove avrebbe trovato fama e successo.

La sua carriera iniziò come peso leggero dilettante a soli 16 anni, sotto la guida dell’allenatore Amilcar Brusa. Monzón dimostrò rapidamente il suo talento sul ring, vincendo tutti gli incontri e attirando l’attenzione degli esperti del settore.

LEGGI ANCHE: Serie A 10^ giornata: orari, partite, formazioni

Carlos Monzón, l’omicidio

Tuttavia, la vita di Monzón fu segnata da una serie di relazioni tormentate e atti violenti al di fuori del ring. Nonostante il successo sul palcoscenico sportivo, la sua vita privata fu caratterizzata da eccessi, alcool, e aggressioni nei confronti delle compagne.

La notte di San Valentino del 1988, raggiunse il culmine della sua violenza. In preda all’alcol e a una crisi di rabbia, attaccò la compagna Alicia Muniz, madre del suo quarto figlio, strangolandola e gettandola dal balcone del residence a Mar del Plata. Questo atto scioccante e brutale avrebbe avuto conseguenze devastanti per entrambi.

Il tribunale non ebbe dubbi sull’omicidio, e Monzón fu condannato a undici anni di prigione. Nonostante la sua fama e le connessioni influenti, non riuscì ad evitare la condanna. In prigione, ebbe modo di riflettere sui suoi errori, avvicinandosi a Dio e trovando consolazione nella costruzione di modellini di navi.

La sua morte, avvenuta il 8 gennaio 1995 in un incidente stradale mentre tornava in carcere, pose fine a una vita segnata da trionfi sportivi e tragedie personali.

La storia di Carlos Monzón è un racconto complesso di un uomo che, nonostante il successo nel pugilato, non riuscì mai a sconfiggere i demoni della sua vita privata, culminando in un atto di violenza che avrebbe cambiato il suo destino e la percezione pubblica di lui.

La drammatica coincidenza con altri casi di atleti coinvolti in crimini violenti, come quello di Oscar Pistorius e O.J. Simpson, sottolinea il lato oscuro che talvolta si cela dietro i riflettori dello sport.

LEGGI ANCHE: L’Italia mantiene la sua posizione in top 10 nel ranking FIFA

Scritto da Giovanni Scialpi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Conteso da Barcellona e Real Madrid: chi è Gabriel Jesus

Inter-Roma: chi sono gli ex giocatori che hanno indossato entrambe le maglie?

Leggi anche
  • dsc3871 scaled 1 1024x684 1Tatuarsi è Doloroso?

    Il tatuaggio è un’arte che ha guadagnato enorme popolarità negli ultimi anni. Tuttavia, una delle domande più comuni che le persone si pongono prima di fare un tatuaggio è: “Tatuarsi è doloroso?”.

  • rafting republic rafting vale aosta 1Rafting in Italia: avventura, emozione e natura

    In Italia, il rafting è un’attività che sta guadagnando sempre più popolarità grazie alla bellezza dei paesaggi fluviali e alla varietà di percorsi disponibili.