Qualificazioni ai Mondiali 2022: il no-VAR crea problemi

L'UEFA e la FIFA lo avevano già comunicato, eppure l'assenza della VAR negli incontri di qualificazione a Qatar 2022 continua a far discutere.

Nella fase di qualificazioni ai Mondiali di Qatar 2022 non esiste la VAR, né tantomeno la Goal-line technology.

Qualificazioni Mondiali 2022: VAR

Nonostante la UEFA avesse annunciato la decisione da tempo, sono scoppiate comunque numerose polemiche in seguito a dei clamorosi errori.

La federazione, infatti, aveva dichiarato – in accordo con la FIFA – l’assenza della VAR e della Goal-line technology per un problema logistico. La spiegazione, affidata ad un comunicato, indica che il motivo dietro la decisione siano i troppi campi da seguire in contemporanea.

Fortunatamente la moviola in campo sarà introdotta nella fase finale del torneo di Qatar 2022. Menomale vien da dire, perché la sua assenza ha già comportato non pochi problemi durante le partite di qualificazione.

L’ultimo in ordine cronologico è quello verificatosi durante Serbia-Portogallo. In pieno recupero, infatti, Cristiano Ronaldo mette in rete la palla del 2 a 3. Il goal però non viene convalidato nonostante la palla abbia varcato la linea di porta anche dopo il tentativo di rinvio del difensore.

Stessa situazione anche in Turchia-Olanda, quando un giocatore turco toglie la palla dalla rete dopo il colpo di testa di De Ligt.

La terna arbitrale non convalida il goal e gli orange rimane sotto 2 a 0 (perdendo poi l’incontro 4 a 2).

Problema differente in Francia-Ucraina, in occasione del goal dell’1-0 francese. A monte dell’azione che ha portato al goal di Griezmann, infatti, c’è l’evidente fuorigioco di Pavard non segnalato dall’arbitro Stieler.

francia ucraina

Leggi anche: Qualificazioni ai Mondiali 2022: il calendario dell’Italia

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dublin Arena, la storia dello stadio irlandese: dal 1872 a oggi

Una nuova avventura per Andrea Dovizioso

Leggi anche
Contents.media