La storia di Cristiano Ronaldo: dalla povertà alla vittoria delle 5 Champions

Cristiano Ronaldo è uno dei migliori giocatori di sempre: ripercorriamo la sua storia, dall'infanzia fino all'approdo alla Juventus.

La storia di Cristiano Ronaldo è la classica favola di chi è partito non avendo quasi nulla ed è riuscito ad arrivare ad essere uno dei migliori al mondo. Dall’infanzia difficile fino all’approdo alla Juventus: ripercorriamo la vita di CR7, uno dei più forti di sempre della storia del calcio.

La storia di Cristiano Ronaldo

Cristiano Ronaldo dos Santos Aveiro è nato il 5 Febbraio 1985 a Funchal da Maria e José. La sua infanzia fu caratterizzata dalle tante difficoltà economiche della famiglia, tanto che da bambino ebbe solo un pallone e qualche macchinetta come giocattolo.

Iniziò a giocare a calcio a 7 anni, nell’Andorinha prima e nel Naciol poi. I suoi allenatori erano preoccupati per via del suo fisico troppo magro, tanto da dargli da mangiare a fine di ogni allenamento.

Nel 1997 venne acquistato dallo Sporting Lisbona: la madre per l’occasione decise di investire i soldi di famiglia nell’acquisto di un completo, in modo tale che il figlio non venisse deriso per via dei suoi abiti poveri. Questi momenti di difficoltà sono rimasti impressi in lui: oggi il patrimonio di Cristiano Ronaldo è uno dei più alti al mondo, ma lui investe molto sia nella sua famiglia che nei bambini più poveri, specie nelle zone in cui è cresciuto.

Gli anni tra Lisbona e Manchester

Allo Sporting dovette calmare il suo carattere da Bad Boy, dovendo condividere il dormitorio con gli altri ragazzi della squadra. Divenne fondamentale in quegli anni la figura dell’allenatore Leonel Pontes, che gli fece da padre e gli tenne compagnia per sopperire alla lontananza da casa e dalla famiglia. Nonostante le difficoltà a legare con gli altri e i costanti limiti dati dalla mancanza di soldi, in campo mise in mostra il suo talento, tanto da esordire in prima squadra nel 2002. Oltre ad esordire in Champions League, contro l’Inter, vinse anche la Supercoppa di Portogallo.

Nell’estate del 2003 passò al Manchester United, fortemente richiesto da Alex Ferguson. Fu proprio l’allenatore scozzese a convincerlo ad indossare la maglia numero 7, storicamente legata a grandi campioni passati dei Red Devils. Nella stagione d’esordio riuscì a collezionare un ottimo numero di presenze, segnando anche un gol nella vittoria della Coppa d’Inghilterra.

Il 2008 fu l’anno migliore per CR7: con il club vinse Premier League, Champions League e Mondiale per Club; a livello personale fu il capocannoniere di tutte le manifestazioni, vincendo così l’ambita Scarpa d’Oro e il Pallone d’Oro.

ronaldo united 2008

Le Champions con il Real Madrid e il trasferimento alla Juventus

Nel 2009 venne acquistato per 94 milioni dal Real Madrid, una cifra record per quegli anni. I primi tre anni furono positivi, con la conquista della seconda Scarpa d’Oro e il trionfo in tutti i tornei nazionali. Tuttavia i madrileni erano da diverse stagioni a caccia della decima Champions League della loro storia, tanto che questa ambizione divenne una vera e propria ossessione per l’intero ambiente. Nel 2012, contro l’Atletico di Madrid, arrivò finalmente l’attesa vittoria: 4-1 con il portoghese in rete e premiato con il Pallone d’Oro.

Il meglio però non era ancora avvenuto: con l’avvento di Zidane in panchina, il Real divenne una squadra praticamente imbattibile. Gli spagnoli riuscirono a vincere tre Champions consecutive, dal 2016 al 2018. CR7 fu il leader indiscusso del gruppo, tanto da essere premiato con altri due Palloni d’Oro.

Nell’estate del 2018, dopo essere stato accostato a PSG e Manchester United, firmò con la Juventus, diventando l’acquisto più caro della storia della Serie A. Con i bianconeri ha ulteriormente incrementato il suo personale palmares, grazie alla conquista di due Scudetti e due Supercoppe italiane. L’obiettivo per il campione portoghese è ora quello di portare a Torino la Champions League che manca dal 1996.

cr7 champions 2018

Curiosità su Cristiano Ronaldo

Come tutti i personaggi importanti, su Cristiano Ronaldo è stato detto e scritto molto, soprattutto sulla sua vita privata. Vediamo qualche curiosità sul suo conto:

  • Il cognome Ronaldo venne scelto dal padre che era un fan dell’attore e presidente degli Stati Uniti d’America, Ronald Reagan. Il primo nome, Cristiano, fu scelto dalla zia che lavorava in un orfanotrofio.
  • A scuola saltava continuamente le lezioni e mentiva ai genitori sui suoi pessimi voti.
  • Ai tempi dell’Andorinha era soprannominato “Piagnucolone” per via delle lacrime facili a seguito di ogni sconfitta.
  • Venne picchiato e rapinato ai tempi delle giovanili dello Sporting Lisbona.
  • È fissato coi videogiochi, tanto da passare diverse ore alla Playstation.
  • È stato il primo portoghese della storia dello United.
  • Ronaldo è il miglior marcatore della storia dei Derby di Madrid, nonché miglior marcatore della storia del Real.
  • Con la nazionale portoghese ha vinto l’Europeo del 2016 e la Nations League del 2019.
  • Nel 2016, a Funchal, è stato aperto un museo interamente dedicato alla sua carriera e gestito dal fratello.
  • Ha quattro figli, ottenuti da tre donne diverse, ed è fidanzato con Georgina Rodríguez.

LEGGI ANCHE: Gianluigi Buffon, storia e successi del portiere italiano

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chi è Neymar: da erede di Pelé a Re di Parigi

Fonseca conferma: via la fascia Edin Dzeko

Leggi anche
Contents.media