Juventus, Pirlo: “Agnelli sa cosa fare”

"Si è parlato tanto di lui e se ne parlerà ancora, è normale" ha detto in conferenza stampa.

Presentando la sfida con la Fiorentina, Andrea Pirlo non ha potuto dribblare la domanda sulla situazione di Andrea Agnelli. Il presidente dei bianconeri è stato al centro di diverse polemiche dopo il caos della Super Lega: “E’ sereno. Normale che si sia parlato tanto di lui in questo periodo e se ne parlerà ancora: sa cosa deve fare, porta grande entusiasmo quando viene al campo.

Nello spogliatoio c’è un clima positivo ma anche grande concentrazione perché sappiamo che è una sorta di obbligo la qualificazione in Champions. Io mi fido completamente dei miei giocatori. L’obiettivo è importante e so quello che vogliono loro e la società. Non possiamo permetterci di abbassare la guardia e dobbiamo fare più punti possibile”.

Punti che potrebbe raccogliere nella sfida contro la banda di Iachini: “La Fiorentina lotta per non retrocedere, ma ricordiamo l’andata: è stata la nostra prima sconfitta, abbiamo grande spirito di rivalsa.

Per tanti fattori è un’avversaria storica per noi e sono contento dello spirito che vedo in tutti i miei calciatori. Abbiamo in testa il nostro obiettivo, che è la qualificazione in Champions. Prima della partita con il Parma ci sono state tante voci, ma il nostro obiettivo è quello di qualificarci in Champions League. Sappiamo quello che dobbiamo fare”.

Chiosa riservata ai singoli: “Passano le partite e Dybala mette minuti nelle gambe e sta sempre meglio.

Oggi valutiamo le condizioni di tutti. Cristiano Ronaldo? Con lui ho un bellissimo rapporto. Ha sempre voglia di far bene, anche le partite in allenamento. Quando uno vuole raggiungere il massimo ha questo atteggiamento e vuole sempre dare il suo apporto, è un lato positivo. Chiellini dovrebbe rientrare dal primo minuto, Morata sta bene. Rabiot partirà dall’inizio, Bonucci devo ancora valutarlo e Chiesa non sarà convocato per infortunio”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Franck Kessie svela cosa manca al Milan

Conte: “Non dobbiamo fare tabelle”

Leggi anche
Contents.media