Marchisio: “Non c’è da guardare in faccia l’avversario, servono punti”

L'ex juventino ha detto la sua sul pessimo avvio di campionato dei bianconeri.

Claudio Marchisio, ex centrocampista della Juventus, si è schierato dalla parte di Massimiliano Allegri, nonostante il pessimo avvio di campionato dei bianconeri: “Il problema non è Allegri con i giovani, ma chi ha ancora la voglia e la linfa in questo momento di tirare fuori ancora di più per far risollevare i giovani, anche tra i senatori”.

“Locatelli, che arriva in una situazione del genere, non è facilitato nel suo processo di crescita. Sono più i senatori, chi arriva da vittorie europee, chi arriva da annate difficili, chi è a fine carriera e forse dice ‘ho già vinto’ e non ha più gli stimoli. I primi stimoli devono arrivare da loro e devono essere trasmessi ai giovani. È vero che i giovani devono prendersi le proprie responsabilità, indossare una maglia che pesa, ma nello stesso tempo c’è sempre bisogno dei senatori che dopo tanti anni di vittorie devono tirare fuori quell’energia che i giovani hanno e che può fare la differenza” ha detto il piemontese.

“Non c’entrano progetti, cambi di allenatori o di giocatori: deve uscire la squadra cercando di rimanere unita, capendo non solo la maglia che indossi ma il momento, adesso devi portare le partite a casa. Non c’è da guardare in faccia l’avversario, il gioco, la prestazione del singolo, ma scendere in campo e portare a casa punti: servono punti, non il bel gioco” ha chiosato Marchisio.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chi è Joe Tacopina, avvocato e presidente della Spal

Il patrimonio di Faiq Bolkiah: a quanto ammonta?

Leggi anche
Contents.media