Ranieri torna in Inghilterra: sarà il nuovo allenatore del Watford

Dopo le esperienze inglesi al Chelsea, al Leicester e al Fulham, Claudio Ranieri accetta una nuova sfida: allenerà il Watford.

Ci sono favole destinate a riscrivere completamente la storia del calcio. Una di queste, senz’ombra di dubbio, è quelle del Leicester Campione d’Inghilterra. Correva la stagione 2015/16 e sulla panchina degli azzurri sedeva un certo Claudio Ranieri. Oggi, a più di 5 anni di distanza, il Re è tornato nel paese della Regina.

Ranieri sarà il nuovo allenatore del Watford

Non allenava dallo scorso maggio, quando lui e il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero non trovarono l’accordo per il prolungamento del contratto. In quel di Genova, ad ogni modo, Claudio ha raccolto ben più di una soddisfazione, raccogliendo una assembramento di giocatori sull’orlo del fracasso e facendone una squadra unita e compatta, in grado di impensierire finanche le grandi del campionato.

Oggi, tuttavia, a poco più di 4 mesi di distanza, Ranieri torna a sedersi sulla panchina di un club di calcio. Si tratta del Watford FC, squadra di calcio che condivide con l’Udinese la stessa proprietà: nientemeno che la famiglia Pozzo.

Kucka (ex volto della Serie A TIM) e compagni sono reduci dalla pesante sconfitta esterna contro il Leeds (1-0, marcatura di Diego Llorente). Fermi a quota sette punti dopo altrettante partite, i ragazzi dell’ormai ex allenatore Xisco non sono mai riusciti a convincere il proprio pubblico, conquistando la misera di due vittore.

Negli ultimi giorni, pertanto, la decisione di cambiare guida tecnica. A rilevare la panchina di questo storico club, sarà nientemeno che Claudio Ranieri.

Il comunicato del Watford

Il Watford FC è lieto di confermare la nomina di Claudio Ranieri come nuovo allenatore del club, con un contratto di due anni. L’italiano arriva a Vicarage Road vantando una vasta esperienza alla guida di alcuni fra i più grandi club d’Europa, con titoli di Premier League, Coppa Italia e Copa del Rey tra i suoi momenti salienti. Le successive promozioni in Sardegna – così come il titolo di Coppa Italia Serie C – sono state seguite da periodi alla guida di Napoli, Fiorentina, Valencia e Atletico Madrid, prima della sua prima incursione nel calcio inglese con il Chelsea nel 2000. Oltre al suo soggiorno di quattro anni allo Stamford Bridge – che ha visto i blues migliorare i loro punti totali stagione dopo stagione – e un periodo di guida del Fulham tra il 2018 e il 2019, il periodo più pubblicizzato di Ranieri in Inghilterra è stato quello da tecnico del Leicester City. I Foxes avevano lottato per non retrocedere la stagione prima dell’arrivo di Ranieri al King Power Stadium, ma il 69enne ha supervisionato un’incredibile stagione 2015/16 in cui hanno sfidato le possibilità di 5000/1 di vincere il titolo di Premier League. Tali exploit hanno comportato, per Ranieri, tutta una serie di premi individuali, tra cui il FIFA Best Men’s Coach 2016, il Premier Legaue Manager of the Season 2015/16 e il premio LMA Manager of the Year 2016. Oltre a un secondo periodo alla guida del Valencia e due alla Roma, Ranieri ha anche goduto di incarichi di vertice Parma, Juventus, Inter, Monaco, Nazionale Greca, Nantes e Sampdoria. Ranieri sarà affiancato da a Watford dagli assistenti Paolo Benetti e Carlo Cornacchia, oltre che dal Fitness Coach Carlo Spigoli. La sua prima partita alla guida degli Hornets sarà in casa contro il Liverpool sabato 16 ottobre. Benvenuto a Watford, Claudio!

Dunque, per Claudio si profila all’orizzonte una nuova sfida carica di interrogativi e possibilità. La speranza di tutti coloro che amano il gioco del pallone, è ovviamente quella che Ranieri possa riscrivere, ancora una volta, la storia del calcio, inglese e non. È di favole come quella che Claudio raccontò al mondo nel 2015/16, in fondo, che è fatto il calcio. Non è forse vero?

Scritto da Andrea Crenna
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sonny Colbrelli svela un segreto

UEFA Nations League: cos’è e qual è il premio per il vincitore

Leggi anche
Contents.media