Chi è Denis Franchi, il giovane portiere del PSG

Nel giorno della prima convocazione di Messi, spicca la presenza di un giovane portiere italiano. Chi è Denis Franchi, il classe 2002 di Pordenone.

In occasione della partita contro il Reims, il Paris Saint Germain ha convocato per la prima volta due calciatori. Il primo è Lionel Messi, il giocatore più forte dell’intera storia del calcio; il secondo, invece, è un giovanissimo portiere italiano. E no, non è Donnarumma.

Chi è Denis Franchi

Nato nel 2002 a San Vito al Tagliamento in provincia di Pordenone, Denis Franchi comincia a difendere le porte del campionato di Promozione con la maglia del Prata Falchi, fucina di giovani talenti che oggi popolano la Serie A, tra i quali un altro portiere, nientemeno che Provedel, estremo difensore dello Spezia.

Protagonista in positivo al torneo di Nantes – quando non aveva che 17 anni – Denis attira fin da subito l’attenzione degli scout del Paris Saint Germain, i quali lo segnalano al club, che infatti lo contratta senza pensarci due volte, facendone il primo under 17 a passare da un club dilettantistico italiano ad uno professionistico straniero.

Nell’estate del 2019, quando non ha che 17 anni, Denis Franchi prende quindi la volta di Parigi, andando a giocare con campioni del calibro di Mbappé e Neymar. Insomma, niente male per un ragazzo di Pordenone cresciuto al Prata Falchi.

Un anno più tardi, nel novembre del 2020, Franchi firma il primo contratto professionistico della sua ancor brevissima carriera. Il Paris Saint Germain, convinto dalle doti del ragazzo, nonchè dalla sua intelligenza posizionale fuori dal comune, decide infatti di legarlo a sé per i tre anni successivi. Lo stipendio? Ben 300.000 euro all’anno. Una cifra da capogiro per un ragazzo che non aveva compiuto i suoi 18 anni che da qualche settimana.

La prima convocazione al PSG

Dopo mesi di allenamenti, la prima gioia personale del giovane Denis è finalmente giunta in occasione di Reims-Paris Saint Germain del 29 agosto scorso. Nel giorno della prima storica convocazione del nuovo acquisto Lionel Messi, a trovare un posto sulla lunga e lussuosa panchina parigina è stato infatti nientemeno che il portiere di San Vito al Tagliamento. L’estremo difensore di Pordenone, in quell’occasione, non trovò la propria prima apparizione con la maglia del Paris Saint Germain, ma in ogni caso poté dirsi più che soddisfatto, sia per la prima convocazione sia per la vittoria finale dei propri compagni di squadra, capaci di imporsi grazie alla doppietta di Kylian Mbappé su un campo ostico come quello del Reims.

Oggi, ad un mese e mezzo di distanza, il classe 2002 è stato aggregato in pianta stabile alla prima squadra, e sebbene il Paris Saint Germain possa contare su portieri del calibro di Keylor Navas e Gigio Donnarumma, Denis non si dà certo per vinto, nella consapevolezza – propria solo dei grandi talenti – che un giorno verrà anche il suo momento. Fino ad allora – e con l’umiltà e la pazienza che si addicono ad un animo attento ed accorto come il suo – Franchi continuerà ad allenarsi con dedizione, cercando di “rubare” i trucchi del mestiere dai propri compagni di reparto. Del resto, chi può dire di avere la fortuna di allenarsi con Navas e Donnarumma su base quotidiana?

Scritto da Andrea Crenna
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I tifosi non vanno più allo stadio: il motivo

Bodo Glimt-Roma: dove vederla in tv e le probabili formazioni

Leggi anche
Contents.media