Il regolamento delle semifinali di Coppa Italia: come cambia la regola del gol in trasferta

Cambia il regolamento sulle semifinali di Coppa Italia, come in Champions addio al gol in trasferta

Come era stato già largamente annunciato, il regolamento della Coppa Italia da questa stagione è stato modificato, seguendo quanto fatto in Champions League riguardo ai gol in trasferta. Sono diverse le novità messe in atto per la stagione 2022-23, la prima delle quali è il maggior numero di giocatori convocabili: da 23 a 25 giocatori, quindi 15 riserve totali.

Come cambia la regola del gol in trasferta in Coppa Italia per le semifinali

Si tratta di una novità decisamente importante quella introdotta in questa stagione di Coppa Italia. Il cambiamento di questa storica regola era già stato fatto un paio di stagioni fa in Champions League ed ora è approdato in Coppa Italia.

Il gol in trasferta non varrà più doppio in caso di parità.

Addio dunque ai calcoli derivanti dal gol fatto fuori casa e le successive barricate davanti alla porta: d’ora in avanti tutti i gol avranno lo stesso valore al fine del passaggio del turno. In caso di parità al termine dei 180 minuti disputati tra andata e ritorno, si procederà allo svolgimento dei tempi supplementari (un quarto d’ora per tempo).

Nel caso anche i tempi supplementari portino ad un parziale di parità, si passerà alla lotteria dei calci di rigore.

Come cambiano le semifinali

Di fatto con ogni probabilità le semifinali saranno decisamente più spettacolari con il nuovo regolamento: soprattutto nel caso vi siano a confrontarsi due big: senza la regola del gol in trasferta potrà accadere sostanzialmente di tutto, e la possibilità di arrivare ai tempi supplementari o addirittura fino alla lotteria dei calci di rigore aumentano molto.

Le quattro semifinaliste per questa stagione sono: Inter, Juventus, Cremonese e Fiorentina.

Nuova formula anche per la Supercoppa

Sarà più spettacolare anche la Supercoppa Italiana dalla prossima stagione: invece che una partita secca tra vincitrice della Coppa Italia e del campionato, vi saranno come nel modello spagnolo quattro squadre a contendersi la coppa: le due finaliste della Coppa Italia, prima e seconda classificata in campionato.

L’albo d’oro della Coppa Italia: classifica vittorie e finali

Juventus 14 trofei vinti su 21 finali
Roma 9 trofei vinti su 17 finali
Inter 8 trofei vinti su 16 finali
Lazio 7 trofei vinti su 10 finali
Fiorentina 6 trofei vinti su 10 finali
Napoli 6 trofei vinti su 10 finali
Milan 5 trofei vinti su 14 finali
Torino 5 trofei vinti su 14 finali
Sampdoria 4 trofei vinti su 7 finali
Parma 3 trofei vinti su 5 finali
Bologna 2 trofei vinti su 4 finali
Atalanta 1 trofeo vinto su 5 finali
Genoa 1 trofeo vinto su 2 finali
Venezia 1 trofeo vinto su 2 finali
Vado 1 trofeo vinto su 1 finale
Vicenza 1 trofeo vinto su 1 finale
Palermo 0 trofei vinti su 3 finali
Verona 0 trofei vinti su 3 finali
Cagliari 0 trofei vinti su 2 finali
Alessandria 0 trofei vinti su 1 finale
Ancona 0 trofei vinti su 1 finale
Catanzaro 0 trofei vinti su 1 finale
Foggia 0 trofei vinti su 1 finale
Novara 0 trofei vinti su 1 finale
Padova 0 trofei vinti su 1 finale
Spal 0 trofei vinti su 1 finale
Udinese 0 trofei vinti su 1 finale
Varese 0 trofei vinti su 1 finale

Scritto da Gabriele Vecchia
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Perché i calciatori si ammalano di SLA?

Polo con gli Elefanti: storia e regole dello sport

Contentsads.com