Vegni: “Ci saranno quasi 51.000 metri di dislivello”

Il direttore del Giro d'Italia ha rivelato alcuni particolari sull'edizione del 2022.

Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia, in una nota ha rivelato che la Corsa Rosa del 2022 avrà uno dei percorsi più duri negli ultimi anni: “Questo Giro è stato concepito per dare opportunità ai corridori di poter battagliare sin dalle prime tappe cercando una vittoria parziale o inseguendo la Maglia Rosa”.

“Ci saranno quasi 51.000 metri di dislivello, ci saranno tante frazioni insidiose già dal rientro in Italia dopo le tre in Ungheria. Abbiamo voluto inserire nel percorso alcune montagne che hanno fatto la storia ciclistica della nostra corsa come il Santa Cristina – la Montagna Pantani – il Mortirolo, Il Pordoi (Cima Coppi) e il Passo Fedaia ai piedi della Marmolada” prosegue la nota.

“Queste salite saranno inserite all’interno delle due tappe chiave del Giro, la Salò – Aprica (che sarà anche la Forzato Wine Stage) e la Belluno – Marmolada (Passo Fedaia). Anche le due cronometro (quella di Budapest e quella di Verona tra le Colline Veronesi) avranno una valenza importante: la prima perché dovrebbe assegnare una nuova Maglia Rosa che potrebbe essere vestita per alcuni giorni, mentre la seconda potrebbe essere il giudice finale di questo Giro e cambiare definitivamente la Classifica Generale” ha chiosato Vegni.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Icardi e China Suarez, tra i due solo un bacio?

Espargarò: “Parlavano del ritiro di Valentino Rossi”

Leggi anche
Contents.media