Allenamento a circuito: i benefici e i vantaggi

L'allenamento a circuito porta tutta una serie di benefici che sicuramente giovano alla forma fisica.

L’allenamento a circuito è comunemente identificato come un metodo in cui si svolgono più esercizi consecutivamente. Questo metodo può essere utilizzato per una varietà di scopi, dall’allenamento specifico per uno sport al miglioramento della forma fisica. Di certo è la metodologia migliore per combinare tra loro esercizi cardiovascolari e di resistenza.

Allenamento a circuito

Un circuito spesso consiste di 3 o più esercizi, a seconda della loro complessità. Ogni esercizio può variare in durata, ma generalmente dura minimo 30 secondi, con intervalli di riposo dipendenti dall’intensità e dalla durata di quello precedente. L’allenamento a circuito ideale tocca diversi gruppi muscolari, garantendo un’esercitazione completa del corpo. Praticato regolarmente, aiuta a sviluppare la resistenza cardiovascolare e muscolare grazie alle sue ripetizioni che stimolano la resistenza.

LEGGI ANCHE: Sovrallenamento: sintomi, rimedi e prevenzione dell’overtraining

Allenamento a circuito: i benefici

A causa della sua stessa natura, un allenamento a circuito di moderata o alta intensità viene eseguito per una durata limitata. Questo approccio aiuta a bruciare il grasso corporeo in eccesso, a sviluppare massa muscolare magra e a migliorare la resistenza cardiovascolare e muscolare.

Di conseguenza, i benefici per la salute vengono da sé. Di pari passo alla perdita del grasso corporeo in eccesso si accompagnano anche la riduzione dell’insorgenza di condizioni di salute come il diabete di tipo II, della sindrome metabolica e della malattia coronarica.

L’allenamento a circuito è un metodo efficace per ridurre o mantenere bassa la percentuale di grasso corporeo e allo stesso tempo aumentare la salute e il benessere generale. Tuttavia è importante eseguire ogni circuito seguendo la tecnica appropriata. Gli esercizi di resistenza devono essere eseguiti a un’intensità bassa o moderata. D’altro canto gli esercizi cardiovascolari devono portare a superare il 75% della frequenza cardiaca massima.

Al termine è necessario un periodo di riposo significativo per ridurre la frequenza cardiaca. I picchi e i minimi della frequenza cardiaca consentono al sistema cardiovascolare di funzionare in modo più efficiente quando si lavora a un’intensità da moderata ad alta per periodi più lunghi. Una sessione continua è necessaria per migliorare la forza del cuore e la forma fisica in generale.

LEGGI ANCHE: L’importanza dell’allenamento funzionale per i giocatori di basket

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dolore muscolare a insorgenza ritardata: che cos’è?

Monitoraggio della potenza nel ciclismo: come avviene?

Leggi anche
Contents.media