Scherma, al via i Campionati Italiani Assoluti a squadre

Napoli ospita uno tra gli ultimi appuntamenti prima delle Olimpiadi di Tokyo.

Scatterà domani (venerdì 4 giugno), al PalaVesuvio, il weekend partenopeo dedicato ai Campionati Italiani Assoluti a Squadre. L’impianto del quartiere Ponticelli, dopo il restyling in occasione dell’Universiade campana del 2019, apre le sue porte alla grande scherma per assegnare i sei ambiti titoli italiani a squadre.

Napoli, nominata Capitale della Scherma per il 2020, quando gli Assoluti vennero rinviati a causa della pandemia, si ripropone dunque, sempre con l’organizzazione curata dall’Associazione Milleculure, come location di un evento attesissimo e che assume ancora più importanza a meno due mesi dall’Olimpiade di Tokyo.

Il programma dei Campionati Italiani a Squadre, domani, sarà aperto dalle due gare di fioretto.

Tra gli uomini le Fiamme Gialle difenderanno il titolo vinto nel 2019 a Palermo in una kermesse prevedibilmente avvincente, che vedrà ai nastri di partenza anche Fiamme Oro, Carabinieri, Aeronautica Militare, Club Scherma Salerno, Circolo Scherma Mestre, Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo, Comini 1885 Padova, Frascati Scherma, Mangiarotti Milano, Fides Livorno e Scherma Treviso M° Ettore Geslao.

Nella prova femminile, invece, campione uscente è il team del Centro Sportivo Carabinieri e se la vedrà con Fiamme Oro, Aeronautica Militare, Fiamme Gialle, Club Scherma Pisa Antonio Di Ciolo, Comense Scherma, Club Scherma Roma, Comini 1885 Padova Scherma, Club Scherma Jesi, Club Scherma Ancona, Club Scherma Salerno e Mangiarotti Milano.

Il sabato sarà invece dedicato alla spada. Conclusione domenica 6 con la sciabola. Le fasi finali di tutte le gare saranno trasmesse in diretta su Rai Sport HD mentre sulla pagina Youtube della Federazione Italiana Scherma sarà possibile seguire tutti i match in live streaming sulle quattro “pedane colorate”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lando Norris: “Spero di diventare come Valentino Rossi”

Allianz Geas Basket saluta Caterina Gilli

Leggi anche
Contents.media