Meo Sacchetti svela un retroscena

"Col cavolo, noi ti portiamo a Tokyo!" il messaggio dei suoi ragazzi.

Meo Sacchetti, con Famiglia Cristiana, ha svelato alcuni retroscena del capolavoro di Belgrado, dove l’Italbasket ha centrato la qualificazione alle Olimpiadi di Tokyo.

“Contro Portorico abbiamo tremato un po’, siamo andati sotto di 17, dopo la rimonta mentalmente è cambiato tutto – ha spiegato -.

Ti dici: “Siamo tosti anche se non abbiamo giocato bene. Ce la facciamo!”. Personalmente la più grande soddisfazione è quando riesco a trasmettere ai miei giocatori empatia. A quel punto poi sono loro a caricare me. Sarebbe cambiato tanto perché non saremmo andati a Tokyo, ma, se anche avessimo perso, sarei uscito dal campo certo che mi avevano dato tutto. Ma loro, siccome hanno la faccia tosta, mi hanno detto: “Col cavolo, noi ti portiamo a Tokyo!”.

E ora nessuno di noi ci andrà in vacanza, potete contarci”.

“Mi auguro di vedere i ragazzi con la stessa sfrontatezza mostrata contro la Serbia, una qualificazione così può essere una molla per la carriera dei singoli, ma anche per il gruppo, perché non ci davano due lire” ha aggiunto Sacchetti.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Serie A, presentato il calendario. Dal Pino: “Tifosi allo stadio”

Roma, uno spagnolo per sostituire Spinazzola

Leggi anche
Contents.media