Antetokounmpo: “Bisogna inseguire i sogni e lavorare duro”

Il greco trionfatore delle NBA finals: "Quando ho iniziato a giocare a basket non avrei mai pensato di poter vincere il titolo Nba".

Giannis Antetokounmpo non riesce a trattenere la sua emozione dopo il trionfo nelle NBA Finals. Il campione greco ha trascinato i Milkwaukee Bucks alla vittoria con 50 punti, 14 rimbalzi, cinque stoppate, 17/19 dai liberi: un dominio assoluto.

“Sono felicissimo, quando ho iniziato a giocare a basket non avrei mai pensato di poter vincere il titolo Nba, ma questo deve essere un messaggio per tutti, in qualsiasi parte del mondo – ha detto dopo la partita -.

Bisogna inseguire i sogni, per pazzeschi che siano, lavorare duro e non curarsi dei critici. Mi dicevano che dalla lunetta ero troppo poco affidabile, questa sera ho pure segnato i liberi. In gara-6 ho dovuto fare un po’ di tutto per aiutare la squadra, ma i miei compagni sono stati fantastici”.

“Non potevo lasciare Milwaukee senza vincere un titolo, per questo ho firmato l’estensione, sarebbe stato facile andare in qualche altra squadra, magari in un super team e conquistare l’anello ma io volevo farlo nel modo più difficile, con questi compagni e in questa città che considero casa mia.

Sono contento soprattutto per Khris Middleton, in otto anni ne abbiamo passate tante insieme. È un giocatore straordinario che è stato fondamentale per la mia crescita, mi ha aiutato tantissimo e sono felice di aver fatto questo viaggio con lui. Giocare la postseason e le Finals è qualcosa di fantastico, speriamo di ripeterci anche l’anno prossimo”.

Antetokounmpo si commuove quando parla dei suoi genitori: “Hanno fatto sacrifici enormi per me, mia madre ha lavorato durissimo e non mi ha mai messo pressione, mio padre invece mi sta guardando dal cielo.

Non posso che dedicare a loro, ai miei fratelli e alla mia compagna questo titolo. Se sono arrivato fino a qui il merito e’ loro”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bernie Ecclestone tuona contro Lewis Hamilton

Milan, Sandro Tonali: “Su di me c’erano altri club”

Leggi anche
Contents.media