Bernie Ecclestone tuona contro Lewis Hamilton

L'ex patron del circus: "Avrebbero dovuto dare a Lewis una penalità di trenta e non di dieci secondi".

L’ex patron del circus Bernie Ecclestone al Daily Mail è tornato sull’incidente in pista tra Max Vestappen e Lewis Hamilton, dando la colpa all’inglese: “Avrebbero dovuto dare a Lewis una penalità di trenta e non di dieci secondi.

Lewis non si trovava davanti a Verstappen nel punto in cui è avvenuto l’impatto, la curva non era sua, era indietro di quasi un metro e infatti ha colpito Verstappen con il muso della Mercedes all’altezza della gomma posteriore destra”.

Ecclestone però applaude Hamilton per la grinta dimostrata: “Lewis si è rimesso in carreggiata. Questo incidente gli ha dato quella fiducia che ancora non aveva trovato quest’anno. È tornato quello di prima e ora ha molte più possibilità di vincere il suo ottavo titolo mondiale e superare Schumacher”.

Per Bernie “una volta un episodio del genere sarebbe stato archiviato in tempo zero come un incidente di gara e in effetti non c’è dubbio che l’impatto sia avvenuto perché entrambi i piloti stavano guidando al limite. Del resto stanno correndo per vincere il campionato”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tokyo 2020, Davide Cassani e gli Azzurri: “Mikuni Pass molto duro”

Antetokounmpo: “Bisogna inseguire i sogni e lavorare duro”

Leggi anche
Contents.media