Tokyo 2020, Davide Cassani e gli Azzurri: “Mikuni Pass molto duro”

La Nazionale di ciclismo al lavoro in vista della prova in linea alle Olimpiadi di Tokyo.

La Nazionale azzurrra di ciclismo ha provato martedì l’ultima salita del percorso olimpico in vista della prova in linea dei Giochi. Il Mikuni Pass ha impressionato Vincenzo Nibali e compagni: “L’ultima salita, il Mikuni Pass, assomiglia al Civiglio. Totale, 6 km circa.

Primi 500 metri sale gradualmente, poi 4 km duri come il Civiglio. Ultimo chilometro e mezzo più facile a una sola cifra di pendenza. Il finale più o meno è così: discesa tecnica, lungo-lago per 5.6 km, salita di 3 non durissima, picchiata sul circuito. Da non sottovalutare lo strappo all’ingresso”, ha spiegato Damiano Caruso alla Gazzetta dello Sport.

“E’ stata una giornata importante, visto che abbiamo pedalato sui primi 100 km.

La salita verso il Fuji non è dura, ma si sentono temperatura e umidità. Il Mikuni Pass invece taglierà le gambe a molti, non c’è spazio per recuperare. Il percorso è selettivo, il clima è tropicale, sotto i 1.000 metri fa veramente caldo”.

Anche il ct Davide Cassani ha confermato: “L’ascesa giapponese somiglia al Civiglio, ma è più dura”.

Attenzione anche al caldo, che rischia di condizionare la prova: “E’ molto dura e il caldo giocherà un ruolo importante, si suda parecchio”, ha evidenziato Vincenzo Nibali.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ivan Gazidis comincia la sua battaglia: “Punto al completo recupero”

Bernie Ecclestone tuona contro Lewis Hamilton

Leggi anche
Contents.media