Michele Vitali: “Dobbiamo essere pronti ad alzare l’asticella”

Le dichiarazioni del nuovo acquisto dell'Umana Reyer Venezia.

La nuova guardia dell’Umana Reyer Michele Vitali, reduce dalla grande avventura con la nazionale alle Olimpiadi di Tokyo, è stato presentato al Taliercio.

Di seguito le sue prime dichiarazioni da orogranata.

“Le prime sensazioni sono molto positive – le parole di Miki Vitali – nonostante io sia qui solo da dieci giorni.

Del resto, non ci ho messo molto a decidere: mi hanno sempre parlato tutti molto bene di questa società e ho trovato idee comuni ben precise. Il mio obiettivo personale, a 30 anni, è uguale a quello della squadra: provare a competere per vincere e lottare per farlo.

È normale che sarà dura, giocando contro i migliori, ma è la soddisfazione più bella” ha detto Vitali.

“Mi piace molto giocare di squadra e fare le scelte giuste: non necessariamente un canestro, ma anche un extra pass, a prescindere dalle statistiche personali.

L’importante è difendere intensamente e farsi trovare pronti quando si alza l’asticella. Il valore degli italiani è molto importante, ma soprattutto l’essere pronti, a prescindere dalla nazionalità. L’ho imparato nelle mie esperienze all’estero: puoi giocare 5’ una partita e 25’ quella dopo.

Ci deve essere uno step mentale: non contano gli alti e bassi delle prestazioni, quanto piuttosto sapere cosa fare per vincere. Siamo una squadra profonda, come richiedono le due manifestazioni” ha proseguito il cestista bolognese.

“Le mie esperienze all’estero sono state bellissime, sia in campo che fuori. E ho sempre cercato la sistemazione che mi avrebbe permesso di crescere di più. Le 18 partite di EuroCup saranno molto belle, sicuramente impegnative. Il livello si è molto alzato e avvicinato all’Eurolega. Poi, con la gara secca, può cambiare tutto. Ma verrà fuori di sicuro una cosa molto interessante. Sarà bello tornare a giocare anche per il pubblico: la passione la fanno sentire anche a porte chiuse, ma a porte aperte è un’altra cosa. L’Olimpiade? L’esperienza sportiva più bella della mia vita fino ad oggi” ha chiosato la guardia 29enne.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Vieri: “Donnarumma non va giudicato”

Fantin: “Sono contento ma avrei voluto chiudere il cerchio”

Leggi anche
Contents.media