La storia del Wembely Stadium: dalla nascita ai giorni nostri

Il Wembley Stadium: la storia della sua nascita, ma anche le sue trasformazioni nel corso degli anni.

La storia del Wembley Stadium non è una di quelle ordinarie. É uno stadio icona del calcio inglese che ospitato sia le partite nazionale, ma anche grandi eventi di spettacolo. Vediamo quando è nato e la sua storia.

La storia del Wembley Stadium

Il Wembley Stadium è stato costruito nel 1924 per dare maestosità all’Impero Britannico e fu inaugurato il 28 aprile del 1923. A presenziare alla cerimonia ci fu il re di allora, Giorgio V e allo stadio venne dato il nome di Empire Stadium.

In quella data ospitò il primo evento della sua lunga e memorabile storia. La Finale di FA Cup in cui giocarono il Bolton contro il West Ham e all’evento assistettero ben 126.945 spettatori.

Un record tutt’ora imbattuto.

Lo stadio inoltre ha ospitato un evento di grande portata mondiale, ovvero i giochi della XIV Olimpiade.

LEGGI ANCHE: Il fan engagement nel calcio

Eventi calcistici

Per quanto riguarda il settore calcistico, il Wembley Stadium ospitò gli incontri casalinghi della nazionale inglese, oltre alla finale dei mondiali del 1966, il primo e unico trofeo conquistato dalla nazionale britannica.

Questo palcoscenico fu il teatro per ben cinque volte della finale di Champions League dal 1962-63 al 1991-92.

Quest’ultimo anno vide impegnata la Sampdoria di Vialli e Mancini contro il Barcellona di Koeman, attuale tecnico dei catalani.

L’ultimo calciatore a segnare in quell’impianto prima della sua demolizione, fu Dietmar Hamann, il calciatore tedesco che decise la finale della partita d’andata di qualificazione dei mondiali del 2002. Era il 7 ottobre 2000, prima della completa ristrutturazione.

Ristrutturazione Wembley Stadium

Il costo della sua ristrutturazione è stato il più alto dopo quello dello Yankee Stadium, ristrutturato con una spesa pari a 1.5 miliardi di dollari. Con 918 milioni di euro è stato realizzato uno stadio capace di ospitare fino a 90.000 spettatori. Infatti è diventato il secondo stadio per capienza in Europa dopo il Camp Nou.

Una novità nel nuovo impianto è stata la demolizione delle due torri nello stile neoclassico dei primi del novecento e la struttura è stata sostituita da un grande arco d’acciaio.

Oltre ad aver ospitato eventi extra calcistici come concerti di famose star della musica, è tornato ad ospitare due finali della Champions League. Nel 2010-11 e nel 2012-13 in seguito ai 150 anni festeggiati dalla federazione inglese.

Il fascino e le atmosfere che sa regalare sono uniche e irripetibili ed è considerato un tempio del calcio passato e moderno.

LEGGI ANCHE: Il San Paolo sarà intitolato a Diego Armando Maradona

Scritto da Lorenzo Carrega
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Andrea Pirlo subisce l’ennesima bordata

Giancarlo Antognoni avrebbe voluto il Var già 38 anni fa

Leggi anche
Contents.media