Marco Giampaolo striglia il Torino: “Chi ha l’ansia cambi mestiere”

Momento critico per i granata, costretti a vincere la gara salvezza contro lo Spezia.

Il tecnico del Torino Marco Giampaolo manda un chiaro messaggio ai suoi: impensabile sbagliare contro lo Spezia, serve la prima vittoria casalinga. “Ansia? Ritengo che questo sia un modo sbagliato di approcciarsi alla partita: se la squadra affrontasse l’avversario col braccino corto, con l’ansia di vincere, significherebbe che c’è chi deve fare un altro mestiere.

Questo non è calcio. Il calcio è divertimento serio. Non esiste la paura, non esistono i buoni propositi o ripetersi che in passato è successo questo o quello… Bisogna essere positivi, guardare avanti e rischiare qualcosa per vincere. Se guardiamo sempre indietro, siamo morti”.

I granata affrontano due sfida salvezza di fila, contro Spezia e Benevento: “Dobbiamo lavorare sulla mentalità, dobbiamo avere l’idea di dominare l’avversario e pensare di far bene le partite sul piano tecnico, tattico e fisico.

I numeri contano fino a un certo punto. Anzi, vi dico che meno cose mi invento e meglio è: devo rispettare le caratteristiche dei miei giocatori. Bisogna essere elastici nel pensiero: la nostra squadra si caratterizza per un certo tipo di calcio e per valorizzare certe qualità, che ci sono”.

“Oggi paghiamo un inizio di stagione difficile nel quale non abbiamo avuto il tempo: oggi la squadra è in grado di fare buone prestazioni.

E’ chiaro che può sbagliare poco perché i bonus ce li siamo giocati prima”.

Lo Spezia: “E’ una squadra che gioca a calcio, spensierata, leggera. Penso che si diverta anche. Gioca anche con poca responsabilità, è una squadra riconoscibile nella quale si vede che c’è un lavoro alle spalle. Noi dobbiamo prepararla nel miglior modo possibile, perché sappiamo che è una sfida molto importante”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Norris a sorpresa su Sainz: “Ci siamo spesso odiati”

Mick Schumacher e il rinvio del debutto: “Così avrò più tempo”

Leggi anche
Contents.media