Ibra, il racconto del motociclista: “Voleva guidare”

"Avevo un casco sotto la sella, ho chiamato mia moglie e le ho detto: 'Sto accompagnando Ibra a Sanremo' e lei non mi ha creduto".

Zlatan Ibrahimovic ieri sera ha dovuto sfruttare il passaggio di un motociclista per non arrivare tardi al Festival di Sanremo.

Franco, questo il nome del centauro, è intervenuto sulle frequenze radiofoniche di Radio Monte Carlo per raccontare l’accaduto.

“È successo che ieri c’era un traffico impressionante e allora io nel pomeriggio ho deciso di uscire in moto.

Stavo tornando a casa a Borgio Verezzi e, fermo nel traffico, vedo questo van nero con due persone a bordo e vedo che uno sembrava Ibrahimovic. Ho pensato: ‘Ma questo è Ibra’. L’autista abbassa il finestrino e dice: ‘Ibra chiede se lo porti a Sanremo’. Sì certo ti porto, non c’è problema. Avevo un casco sotto la sella, ho chiamato mia moglie e le ho detto: ‘Sto accompagnando Ibra a Sanremo’ e lei non mi ha creduto.

Io sono anche milanista. Ibra voleva guidare lui, però io gli ho detto ‘No no Ibra, guido io’. Quello che ha detto lui in televisione è vero: io sono un motociclista della domenica, non avevo mai preso l’autostrada in moto e la fortuna è che siamo andati ad Albenga a prendere l’autostrada verso Sanremo e c’erano pochissime auto e tutto sommato è stata una cosa piuttosto semplice. Ibra è stato carinissimo, è una persona squisita.

Mi ha chiesto come posso ringraziarti, mi ha detto che mi manderà la maglia. Non sono neanche riuscito a fare una foto perché quando siamo arrivati lui era di corsissima, è sceso dalla moto ed è entrato all’Ariston. Mia moglie alla fine mi ha creduto, il matrimonio è salvo”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lehmann: “Donnarumma, azzardo aumentare l’ingaggio”

Chi è Shaquille O’Neal: carriera e vita privata dell’ex cestista

Leggi anche
Contents.media