Galliani: “Covid, è stato un incubo”

"Da domenica 7 marzo al 17 sono stato in terapia intensiva".

Adriano Galliani ha parlato al Corriere della Sera del Covid con cui ha dovuto fare i conti in prima persona: “Da domenica 7 marzo al 17 sono stato in terapia intensiva. I dieci giorni più lunghi della mia vita. È vero, è stato un incubo – ha aggiunto l’amministratore delegato del Monza – Non vedevo nulla, avevo davanti a me solo un muro.

Il reparto di terapia intensiva non ha finestre. All’interno ci sono solo letti. Pensi che non c’è nemmeno il bagno. Non è stata una passeggiata di salute. Aggiunga un altro elemento: soffro di claustrofobia. L’ascensore mi dà ansia. Pensi allora cosa possa essere per un claustrofobico non vedere la luce per dieci giorni? Detto questo, mi faccia ringraziare i meravigliosi infermieri, medici. Al San Raffaele ho trovato una umanità pazzesca”.

Il peggio è passato anche se non è finita, come sanno bene tutti i malati: “Ci vorrà un mese circa per riprendersi definitivamente.

Ho perso dieci kg perché in quei maledetti giorni non riuscivo nemmeno a mangiare una polpetta. Con Pierferdinando Casini, che ha avuto come me il Covid, abbiamo preso un impegno ufficiale: ci recheremo al Santuario della Madonna di San Luca. Andremo lì a pregare”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Powervolley dalla Challenge ai playoff Challenge

F1, Hamilton colpito da Verstappen: “Quattro decimi sono tanti”

Leggi anche
Contents.media