Dzeko trascina la Roma in semifinale e si sfoga

L'attaccante giallorosso parla del caso fascia dopo la partita contro l'Ajax.

Edin Dzeko trascina la Roma in semifinale di Europa League con il suo gol e dopo la partita contro l’Ajax a Sky ha commentato così la sua prestazione: “Ho 35 anni, magari una corsa in meno la faccio però la palla era dove ero io.

Sono stato fortunato, ma contento. L’azione che abbiamo fatto sul mio gol avremmo dovuto riproporla più volte, anche Calafiori ha fatto un bell’assist e sono contento per lui perché ha giocato. Scendere in campo contro l’Ajax ed essere decisivo è importante”.

Potrebbe essere la rete della svolta per il bomber bosniaco: “In questa stagione ci sono stati tanti alti e bassi, non ero al meglio per tante cose. A me non piace guardarmi indietro, quel che è successo è successo e ora siamo in semifinale.

Ci sono tanti ragazzi che giocano una semifinale per la prima volta e dobbiamo divertirci, non tutte le settimane si gioca ad Old Trafford”.

Sulla questione della fascia da capitano: “Certe cose sono state difficili da accettare, ma come sono sempre stato forte a livello di testa, penso che non potevo mai arrivare fin qui se non avessi avuto testa. Questa cosa mi ha portato avanti. Per me la fascia della Roma è un onore portarla, io gioco per la Roma ma non per la fascia.

Conta solo quello. Il futuro? Pensiamo al campionato e all’Europa League, poi vediamo”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Covid-19, positivo il capotecnico di Joan Mir

Paola Egonu: “Le Olimpiadi restano un sogno”

Leggi anche
Contents.media