Gabriele Gravina lancia un appello alla politica

"I nostri interlocutori non conoscono le sfumature dell'impegno del mondo dello sport".

A margine dell’assemblea ACI, Gabriele Gravina ha lanciato un appello alla politica: “non conoscono le sfumature dell’impegno del mondo dello sport. Lo sport italiano rappresenta un’importante percentuale del Pil del nostro Paese”.

“Siamo ad una svolta. Il mondo dello sport si è unito e oggi ha il diritto e dovere di rivendicare il ruolo di redattore di un progetto di riforma e di rilancio.

Dobbiamo farlo noi del mondo dello sport e proporlo agli uomini di governo affinché si rendano conto di quello che il mondo dello sport genera nel nostro Paese. Non si può soltanto pensare di dare una pacca sulla spalla a soggetti che versano 1 miliardo e 400 milioni di euro di gettito fiscale e che generano 16 miliardi di euro nel mondo delle scommesse. Noi rivendichiamo la tutela del nostro diritto d’autore”.

“Pretendiamo rispetto, pretendiamo pari dignità rispetto a tutti gli altri settori dell’economia, soprattutto perché abbiamo un valore aggiunto: siamo un impulso alla socializzazione che non ha eguali. Io sono felice di aver ricevuto oggi il plauso per tutto quello che abbiamo generato nel nostro Paese, ma non è più sufficiente, non mi appaga. Lo dico con molta franchezza. Abbiamo bisogno di una risposta concreta e dobbiamo provocarla. Lo stiamo facendo con un progetto credibile, di cui Malagò è al vertice come redattore.

Noi lo sottoscriveremo e credo che questo non sia più procrastinabile. Aspettiamo risposte concrete di pari rispetto e pari dignità”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ciclismo, Cassani: “Devo capire se sarò ancora utile all’Italia”

Gotti: “Spezia aggressivo e galvanizzato”

Leggi anche
Contents.media