Crespo su Federico Chiesa: “Egoista come il padre”

"Per un attaccante è fondamentale, ma deve imparare a essere più efficace".

Ai microfoni di SportWeek Hernan Crespo ha analizzato la Juventus: “Ha compiuto la terza rivoluzione tecnica in tre anni. Prima Sarri, poi il mio amico Pirlo e adesso è tornato Allegri. Il gruppo dei giocatori, invece, a parte la partenza di Cristiano Ronaldo e qualche innesto giovane, è rimasto identico: mi riferisco ovviamente allo zoccolo duro”.

Allegri sembra voler dare fiducia a Dybala, cosa che con Pirlo non sempre si è vista: “Ha qualità, dribbling e visione di gioco e davanti alla porta è uno che non perdona. Forse deve crescere sotto l’aspetto caratteriale, però stiamo parlando di un grande giocatore. E poi ci sono tanti giovani che mi incuriosiscono. Il primo è ovviamente Federico Chiesa: ha la stessa velocità di suo padre Enrico, mio amico e compagno di gioie ai tempi di Parma.

Ha lo stesso egoismo, che per un attaccante è fondamentale. Deve imparare a essere più efficace: non dico che deve segnare a ogni tiro, ma almeno una volta su due… Pretendo troppo? Se impara a dosare le energie diventa micidiale”.

I bianconeri affronteranno il Chelsea in Champions League: “Sono fortissimi, e poi c’è Lukaku. Fa reparto da solo, si trascina dietro i difensori, apre spazi per i compagni, segna e, quando serve, si sacrifica in fase difensiva.

Muscoli e tecnica al servizio della squadra”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ibrahimovic: “Il mio fisico non tiene il passo della testa”

VL Pesaro Basket, arriva Tyler Larson

Leggi anche
Contents.media