Dal 2030 i campi sintetici saranno vietati

Campi sintetici da calcio vietati dal 2030: i motivi dietro la rivoluzione e le parole chiave della decisione della commissione europea

Il mondo del calcio amatoriale e dilettantistico si prepara a un cambiamento epocale: a partire dal 2030, l’utilizzo di campi in erba sintetica sarà vietato. La decisione è stata presa dalla Commissione Europea, che ha evidenziato i potenziali danni alla salute derivanti da questi campi artificiali.

Il provvedimento imporrà la dismissione di tutti i campi in erba sintetica entro il nuovo decennio, segnando la fine di un’era nell’ambito del calcio non professionistico.

Pericoli Nascosti: microplastiche e salute nei campi artificiali

La notizia, riportata da Cronache di Spogliatoio, ha scosso il panorama calcistico in Italia e in tutta Europa.

Il motivo principale dietro questa decisione riguarda i filamenti dell’erba sintetica, spesso composti da una miscela di polietilene e polipropilene. Questa combinazione, sebbene aumenti la resistenza del terreno di gioco, solleva seri timori per la salute umana e l’ecosistema. Si è scoperto che i campi in erba sintetica rilasciano nell’aria quantità pericolose di microplastiche, diventando una minaccia per giocatori e ambiente circostante.

Secondo il rapporto FIGC del 2023, in Italia più del 22% delle strutture calcistiche, pari a 2954 campi, sono realizzate con erba sintetica su un totale di 13249 strutture. La decisione di vietare questi campi è un passo significativo per affrontare il problema crescente delle microplastiche nell’ambiente.

LEGGI ANCHE: I migliori portieri della Serie A 2023

Le azioni della commissione europea: oltre ai campi, stop a detergenti e glitter

La Commissione Europea sta progettando ulteriori misure per contrastare le microplastiche, estendendo il divieto ad altri oggetti di uso quotidiano come detergenti, glitter e giocattoli. Queste azioni mirano a ridurre drasticamente le tonnellate di microplastiche rilasciate nell’aria, contribuendo a preservare la salute umana e l’equilibrio ecologico.

La fine dei campi in erba sintetica segna un cambiamento significativo nel modo in cui il calcio amatoriale e dilettantistico si svolgerà nel prossimo decennio, spingendo verso soluzioni più sostenibili e rispettose dell’ambiente per gli appassionati di questo sport.

LEGGI ANCHE: I migliori attaccanti della Serie A 2023

Scritto da Giovanni Scialpi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Italia-Norvegia Under 21: dove vederla in TV e Streaming gratis

Quanto dura una partita di rugby a 15?

Leggi anche
Contentsads.com