Oaktree: il patrimonio del fondo

Oaktree, il patrimonio del fondo americano che punta a controllare interamente l'Inter.

Oaktree è una società statunitense che ha aiutato l’Inter in un momento di difficoltà con un intervento in termini economici per ripianare i debiti che coinvolgono la società di Steven Zhang in questo articolo vediamo a quanto ammonta il patrimonio di questo fondo che è intenzionato a fare sul serio in Serie A.

LEGGI ANCHE: Quanto guadagna Koopmeiners, lo stipendio

Oaktree: il patrimonio del fondo

Oaktree essendo una società patrimoniale detiene numerosissime società che fanno crescere ed aumentare il capitale ogni anno permettendo quindi di reinvestire quanto guadagnato dalle varie attività.

Il fondo spazia il proprio asset di investimenti da quelli bancari come ad esempio in Italia Banca Progetto e e Castello S.P.A.

detiene anche Mail Boxes la società di logistica che ha diverse sedi lavorative nel nostro paese e a livello cinematografico Stand By Me azienda di produzione televisiva e cinematografica.

Per quanto riguarda lo sport Oaktree in Italia ha aperto un’operazione di finanziamento tramite una società lussemburghese da qui il nome Grand Tower S.R.L. con cui ha permesso alla famiglia Suning di acquisire le quote di maggioranza dell’Inter.

Oaktree ha un patrimonio al 31 dicembre 2023 di 189 miliardi di dollari in crescita rispetto al 2015 di 75 miliardi di dollari quindi il potere di investimento resta davvero elevato ed avendo il controllo di diverse società sportive nel mondo è chiara qual è la sua intenzione in Italia.

LEGGI ANCHE: Nuno Borges, chi è il tennista che ha umiliato Berrettini?

Possibile intervento nell’Inter?

Al momento Oaktree è intervenuto nell’Inter come creditore per la famiglia Zhang per ripianare i debiti ereditati dalla famiglia cinese dalla precedente proprietà ma anche per quelli creati dall’attuale proprietà nerazzurra.

Un possibile coinvolgimento, se ci sarà, sarà solamente per un controllo totale del club quindi con la garanzia di diventare il principale e unico azionista. Senza avere intermediari nella gestione. Si tratterebbe di una manovra simile a quella fatta da Elliott per il Milan.

Per la squadra sarebbe un’ottima notizia in quanto verrebbero ripianati i debiti contratti e si ripartirebbe da zero con la consapevolezza di poter creare un progetto ambizioso ed importante.

Tuttavia nell’Inter vi sono diverse questioni da discutere ovvero lo stadio che non sarà più San Siro ma si sta pensando di farlo a San Donato Milanese, così da essere fuori dalla città, potendo così costruire un qualcosa nello stile degli stadi dei club stranieri.

Anche il mercato sta iniziando a tenere banco dato che si sta sempre più avvicinando la fine della stagione. Chissà che non vengano fatti degli acquisti importanti per rinforzare la squadra oltre ai nomi già sicuri.

Se dovesse accadere qualcosa a livello societario non si ha molto tempo prima che questo vada a limitare il potere economico del club, quindi Oaktree deve avere garanzie di operatività sin da subito.

Le prossime settimane o i prossimi mesi saranno importanti su questo fronte anche se Zhang aveva ribadito fino a poco tempo fa che sarebbe stato al timone del club riuscendo a sistemare i conti societari.

Così a quanto pare non è e quindi bisognerà vedere che cosa accadrà.

Scritto da Filippo Imundi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Serie A, calciatori infortunati e squalificati 30^ giornata

Lee Kang-in, chi è il giocatore del PSG

Contentsads.com