Eray Cömert, un individuo che si trova vicino a Pucela e lontano dall’Espanyol

Eray Cömert, il giocatore svizzero che la scorsa stagione ha fatto parte della squadra Nantes francese, salvandola nell’ultimo momento, ha fatto mancanza nel primo giorno di precampionato del Valencia e potrebbe essere in procinto di un trasferimento in prestito al Valladolid.

C’era stata anche una possibile associazione con l’Espanyol per rafforzare la squadra, ma alla fine sembra aver optato per il club Valladolid.
Nonostante le sue abilità nel dribbling, il difensore non rientra nei piani di Rubén Baraja, che cerca giocatori più aggressivi nella difesa, motivo per cui giocherà un’altra stagione fuori dal Valencia.

Tuttavia, Cömert aveva espressa la volontà di tornare a giocare nella lega dopo che il Nantes non ha deciso di esercitare l’opzione d’acquisto sul giocatore 25enne.
Il Valladolid s’è inserito nelle trattative tra il Valencia e Las Palmas, che aveva anche sperato di ingaggiare il giocatore svizzero, e il buon rapporto tra il club di Mestalla e quello del Valladolid, che l’inverno scorso ha già visto il prestito di successo di César Tárrega, ha accelerato il processo.
Il Valencia sta cercando di ridurre ulteriormente i costi salariali della squadra, in cui spera di inserire Rafa Mir e Luis Rioja, che, sebbene non siano ancora arrivati a Paterna, sono i principali obiettivi della direzione sportiva del Valencia, desiderosa di soddisfare le richieste del suo allenatore.
Baraja ha dovuto fare i conti solo con dodici giocatori della prima squadra per l’inizio del campionato. Tra gli infortunati, i vari giocatori autorizzati a presentarsi più tardi a causa delle convocazioni nazionali, e quelli che sono in ritiro con le loro squadre nazionali, il Valencia ha dovuto attingere dal suo settore giovanile per completare una rosa di 21 giocatori per iniziare il precampionato.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Per prepararsi adeguatamente servono 38 giorni e cinque prove

Mourinho è entusiasta del suo nuovo acquisto dall’Atletico di Madrid