Le ragioni per cui Morata ha deciso di abbandonare l’Atlético e la selezione nazionale

Álvaro Morata sta seriamente considerando l’idea di abbandonare l’Atlético Madrid, la squadra nazionale spagnola e forse anche la Spagna stessa. Pochi giorni fa, l’attaccante della nazionale aveva espresso la sua intenzione di rimanere con l’Atlético, nonostante il club avesse già accettato l’idea della sua partenza.

Tuttavia, la sua posizione è cambiata, suscitando le lamentele dei tifosi dell’Atlético. Un giorno fa dichiarazioni d’amore per il club, il successivo lamenta il trattamento che riceve e suggerisce la possibilità di andarsene. Ora siamo in questo secondo scenario.

Il motivo principale del suo cambio di direzione risiede nelle sue questioni personali e familiari. Morata è stanco di essere il bersaglio delle critiche, sia nell’Atlético che nella selezione nazionale, al punto da contemplare l’idea di lasciare entrambe le squadre nel prossimo futuro.

Interpellato sulla possibilità di lasciare la nazionale dopo l’Europeo, Morata ha risposto a El Mundo: “Potrebbe essere, è una possibilità di cui non voglio parlare molto, ma è probabile”. “In Spagna non c’è rispetto per nulla né per nessuno”, ha aggiunto, precisando: “Penso che potrebbe essere anche invidia. Ma è spiacevole, per questo sto riflettendo, nonostante sia concentrato sull’Europeo, se sia meglio rimanere in Spagna… Ho detto che sono ansioso di vincere titoli con l’Atlético, ma poi bisogna pesare cosa valga la pena e cosa no”.

“È la mia opinione dal profondo del mio cuore, ma come dico spesso, ci sono momenti in cui per me in Spagna è difficile. Sono stanco del discorso della vittimizzazione, di sentirmi lamentare. Voglio solo che questa situazione finisca nel miglior modo possibile e godermela, perchè potrebbe essere il mio ultimo torneo con la Nazionale,” ha dichiarato su Cuatro. “Volevo stare tranquillo, ma nel calcio nulla è certo. Dovremo vedere come finisce tutto e tutte le altre questioni. Vedrete,” ha aggiunto su questo ultimo canale.

FISCHIATI DURANTE LA PARTITA DELLA NAZIONALE

Ci sono stati diversi episodi che hanno portato il giocatore a prendere questa decisione quasi definitiva. L’episodio dei fischi che ha ricevuto al Bernabeu durante la partita amichevole tra Spagna e Brasile l’ha molto scosso. Capitano della Nazionale, uno dei migliori marcatori della ‘Roja’, il più grande marcatore nella storia della squadra nazionale nei grandi tornei… Il comportamento nei suoi confronti è stato inappropriato. Anche l’allenatore e i compagni di squadra sono intervenuti per difenderlo.

Il giocatore, parlando con ‘LaSexta’, si è lamentato amaramente di ciò che deve sopportare. “Non voglio continuare molto con l’argomento… Sembra alla fine che stai sempre cercando scuse o lamentandoti. È questione di rispetto. Non sto parlando del fatto che la gente mi voglia o non mi voglia. È questione di rispetto e in Spagna molte persone, non dico solo nel ambiente del calcio… Ho avuto molti episodi con la mia famiglia per strada. Non importa quanti episodi spiacevoli ti tocchi vivere, è la mia quotidianità, quando vado al supermercato con i miei figli o li porto al loro allenamento,” ha commentato.

SOTTO SOSPETTO ATLETICO E LA RICERCA DI ALTRE PUNTE.

La condizione dell’Atletico ha subito alti e bassi. Nonostante le sospettosità di molti riguardo al fatto che Morata abbia indossato in passato la maglia del Real Madrid, bisogna considerare che ha iniziato la sua carriera nella squadra rossobianca, venendo promosso dalle giovanili. L’errore fatto a Dortmund che avrebbe potuto cambiare l’esito dei quarti di finale della Champions League ha avuto un impatto pesante sul morale dei tifosi, che in parte lo ritennero responsabile. “Passare dal Real Madrid all’Atletico è stato complicato, non mi è stata riservata una grande accoglienza. Ho avvertito una certa diffidenza nei miei confronti”, ha dichiarato il calciatore in un recente documentario. Questo clima negativo ha finito per coinvolgere anche la sua famiglia: l’insulto alla moglie, Alice Campello, e ai suoi piccoli figli in un parcheggio, per il solo fatto di essere parenti di Morata, l’ha profondamente turbato, costringendolo a riflettere.

Le sue prestazioni sono state spesso messe in discussione, ma la scorsa stagione ha segnato il suo secondo miglior anno come professionista, con 21 gol e tre assist, un risultato maggiore di quello che Simeone aveva chiesto. Non molti attaccanti europei possono vantare simili risultati. Nell’Atletico, ha segnato 58 gol in 154 partite in quattro stagioni, con una media di 0,34 a partita.

Il fatto che l’Atletico pensasse di cercare due attaccanti per sostituire Memphis e Morata, con l’intenzione di farlo andare via, ha addolorato il giocatore. Lo ha ammesso lui stesso. “Non sono stupido, se l’Atletico sta cercando un attaccante e ce ne sono otto in lizza, devo pensare anche a me stesso”, ha detto all’inizio degli Europei.

IL CAMERINO ROJIBLANCO E IL RAPPORTO CON I TIFOSI

È interessante notare che se c’è una persona amata nello spogliatoio dell’Atlético Madrid per il suo comportamento, professionalità e amore per la squadra e i suoi tifosi, quello è Morata. Il madrileno è uno di quelli che quasi sempre si ferma per autografare, fare foto, uno dei giocatori che ha sempre mostrato più rispetto e attenzione per i tifosi, in particolare per i bambini. Ha dimostrato una grande umanità nei confronti dei giovani supporter con gravi problemi di salute. Secondo quanto riportato dal club rossobianco, pochi giocatori hanno dimostrato tanto rispetto per i tifosi quanto lui. Tuttavia, ciò non ha impedito ad alcuni di metterlo in discussione. “Poche persone mi conoscono davvero. E molte persone che ho incontrato nel corso della mia vita hanno cambiato la loro opinione su di me dopo avermi conosciuto”, ha dichiarato tempo fa.

SUPPORTO PSICOLOGICO

La priorità del giocatore è sempre la salute della sua famiglia. E questo è ciò che ha influenzato la sua visione delle cose al momento. La pressione, le derisioni e le critiche che ha dovuto subire in questo periodo lo hanno spinto a cercare aiuto professionale, oltre a trovare sostegno nella sua famiglia. “Al momento ho la mia psicologa, il mio psichiatra e un coach. Mi hanno aiutato tanto. Loro e mia moglie sono la mia roccia nei momenti difficili, sono coloro che mi apprezzano e mi aiutano a vedere le cose da una prospettiva diversa… Quello che mangiamo viene espulso, ma quello che entra nella tua testa rimane”, ha spiegato in precedenza in un’intervista su ‘LaSexta’.

Senza mia moglie (Alice Campello), la mia carriera sarebbe stata decisamente diversa”, ha rivelato Morata, sottolineando come questa sua esperienza sia servita per insegnare ai suoi figli una preziosa lezione. “Ci sono stati momenti in cui ho pensato di abbandonare tutto, ma alla fine, quando racconterò ai miei figli la mia storia, la cosa più importante che posso insegnare loro è che ho avuto momenti difficili, ma alla fine, sono sempre riuscito a reagire. E questo è motivo di orgoglio per me”, ha dichiarato.

Per quanto riguarda la carriera di Morata, c’è stata una possibilità di trasferimento in Arabia Saudita nella stessa stagione, ma dopo averne discusso con la sua famiglia, ha deciso di rimanere all’Atletico. non era convinto di un cambiamento così radicale. Tuttavia, l’offerta del AC Milan, disposta a pagare la sua clausola da 13 milioni di euro, ha cambiato la situazione.

La moglie di Morata, Alice, è originaria di Mestre, una località vicino Venezia, a solo tre ore di auto da Milano. L’attaccante spagnolo ha già giocato due volte in Italia, alla Juventus, quindi si sente come a casa. In effetti, si sente più apprezzato là che in patria. Da un punto di vista familiare, sportivo ed emotivo, il trasferimento sarebbe perfetto.

C’è un altro problema che ha creato qualche disagio alla famiglia Morata Campello. Negli ultimi sei mesi, sono stati vittime di due furti nella loro casa di Madrid, in uno dei quali c’erano vari membri della famiglia. Questo ha aumentato il loro desiderio di cambiamento.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Nel periodo pre-stagionale del Celta ci sono volti nuovi

Rodrigo de Paul è allettato dalla Turchia