Mikel Arteta e la Real Sociedad: vent’anni da un trasferimento che non ha avuto successo

Mikel Arteta, oggi allenatore dell’Arsenal (Donostia, 1982) e precedentemente un calciatore con una lunga e illustre carriera, principalmente nel calcio britannico, ha sperimentato la sensazione di non essere un profeta nella propria terra mentre giocava per la Real Sociedad.

Oggi, segna il ventesimo anniversario del suo trasferimento alla squadra di Donostia, dove, nonostante fosse atteso come star, non ha mai trovato il giusto impatto. Infatti, ha giocato solo mezza stagione alla Real, dopo essere arrivato dal Glasgow Rangers nel 2004 per 4 milioni di euro.

La sua permanenza a txuri urdin si è ufficialmente conclusa solo un anno più tardi, nel luglio 2005, ma pochi mesi dopo il suo arrivo a Donostia era già chiaro che, per un motivo o per un altro, Arteta non avrebbe potuto ripetere nella sua terra natale le prestazioni che aveva mostrato all’estero e che avrebbe continuato a mostrare in seguito. Per esempio, ebbe successo all’Everton e all’Arsenal come giocatore, e poi fece carriera come allenatore, prima come assistente di Pep Guardiola al City e ora alla guida dell’Arsenal, dove è a un passo dal compimento del quinto anno come capo della squadra londinese.

Vent’anni fa, il presidente di Real Sociedad all’epoca, José Luis Astiazaran, fece una significativa puntata per riportare a casa un calciatore che aveva lasciato Donostia molto giovane per la cantera del Barcellona e il cui ritorno era da sempre un desiderio. Accogliere il giocatore di Donostia ha comportato l’accettazione, in larga misura, dello sostanzioso stipendio di un giocatore, che malgrado il suo ritorno a casa all’età di soli 22 anni, aveva già esperienze con il PSG e i Rangers.

Nonostante la sua giovane età, Arteta è entrato con grande aspettativa in un camerino pullulante di stelle come Kovacevic, Karpin e Nihat, ed esperti del calibro di Alberto o Rekarte, ma il vero problema è stato che la nuova acquisizione non riuscì a integrarsi pienamente nel team della Real Sociedad. Inoltre, il suo rendimento inferiore alle aspettative sul campo non ha contribuito ad una sua buona acclimatazione.

Arteta fu chiamato a rimpiazzare Xabi Alonso, che nell’estate del 2004 si trasferì al Liverpool. Entrambi i calciatori, che avevano condiviso lo spogliatoio nella squadra dell’Antiguoko, riuscirono ad infatti giocare solo una singola partita amichevole insieme per la Real Sociedad, allo stadio Goodison Park, contro l’Everton, squadra dove Mikel alla fine si trasferì nel gennaio 2005, in prestito dalla Real. Con la partenza di Alonso, la pressione su Arteta potrebbe essere aumentata, alimentando le aspettative di vedere in lui un valido sostituto, ma il giocatore di San Sebastián non riuscì ad essere all’altezza. Inoltre, José Mari Amorrortu, l’allenatore della Real Sociedad in quel periodo, ritirò presto la sua fiducia in lui. Arteta fu titolare nelle prime tre giornate, status che perse alla quarta giornata e che non riuscì mai a riconquistare. Giocò solo 17 partite, due delle quali in Coppa, indossando la maglia della squadra di San Sebastián.

In una recente intervista alla BBC, Arteta ha ripercorso la sua carriera da calciatore, incluso il suo ritorno a casa per giocare nella squadra della Real Sociedad. Ha rivelato la vera ragione del suo ritorno alla squadra di San Sebastián: aveva scoperto che i suoi genitori stavano per divorziare, e decise di tornare a casa per cercare di impedirlo. “Non ho mai pensato che tornare a casa fosse la decisione giusta, ma avevo un dovere e volevo riconciliare la mia famiglia”, ha ammesso.

Ha anche partecipato alla Donosti Cup.

In occasione del 20esimo anniversario del suo arrivo alla Real, Arteta è stato recentemente a San Sebastián per seguire i progressi di suo figlio nella Donosti Cup, all’interno di una squadra guidata dal suo ex compagno di squadra Antiguoko e in una singola partita con la Real, Xabi Alonso. Anche il figlio di quest’ultimo ha giocato sotto la guida di Xabi nella squadra di Zuatzu a Donostia. Arteta ha fatto visita a vari campi di calcio guipuzcoani, come quello di Puio, posizionandosi però fuori dai riflettori, che erano tutti puntati su Alonso.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mao e Garagarza si trovano a Madrid per cercare nuovi rinforzi

Aramburu è stato selezionato nell’undici ideale dei quarti di finale della Coppa America