Chi è Fatal1ty: tutto sulla leggenda degli eSports

Chi è Fatal1ty ex giocatore professionista campione di eSport attualmente imprenditore di successo.

Si pronuncia “Fatality”e si tratta di un mito per tutti gli appassionati di esports. Il suo nome evoca paragoni calcistici che rimandano ai campioni del passato, o ai primi grandi campioni del basket americano. È stato uno dei pionieri del gioco competitivo e una volta era considerato uno dei migliori giocatori professionisti al mondo.

Oggi gestisce la sua creatura, Fatal1ty Inc., che concede in licenza il marchio ai produttori di accessori per il gioco.

Chi è Fatal1ty

Nato il 26 febbraio 1981 da James e Judy Wendel e cresciuto a Kansas City, nel Missouri, Fatal1ty è diventato professionista nel 1999 all’età di 18 anni giocando a Quake III Arena, quando gli esport professionistici erano agli albori, così come i titoli disponibili.

Ha gareggiato in tornei di Counter-Strike, Call of Duty e Quake III Arena che ha vinto con la sua squadra Kapitol ai primi Campionati Mondiali CPL Teamplay. La maggior parte dei suoi successi sono stati in appassionanti gare uno contro uno, i cosiddetti deathmatch, tra cui Quake III Arena, Unreal Tournament 2003 e Painkiller.

Durante la sua carriera, ha vinto un totale di dodici titoli mondiali, inclusi quattro premi come giocatore dell’anno nella Cyberathlete Professional League e uno ai World Cyber ​​Games. Il 13 marzo 2003, Wendel è apparso in un episodio della serie televisiva True Life di MTV.

L’episodio ha documentato la sua vita e il modo in cui si è preparato per l’Unreal Tournament 2003 della Cyberathlete Professional League dell’inverno 2002. Tra quelli presenti insieme a Wendel nell’industria del gioco professionale c’erano i suoi amici Phil “shogun” Kennedy e Brian “astro” Lewis, che anche loro molto popolari nel circuito del gioco professionale.

Da campione a business-man

“Fatal1ty” Wendel si è ritirato dalle competizioni nel 2008 e ha detenuto il record per la maggior parte dei premi in denaro vinti in tutti gli eSport fino a quando non è stato superato dal giocatore coreano di StarCraft, Lee Jaedong, verso la fine del 2013.

La Fatal1ty, Inc. ha cominciato con la vendita del suo marchio di tappetini per mouse da gioco, “FATpads”. In seguito ha ampliato la gamma con altri accessori gioco attraverso una partnership commerciale con OCZ Technology, Creative Labs, ASRock, Universal Abit, GamerFood e Southern Enterprises, Inc. per creare schede madri, snack energetici, schede audio, scrivanie da gioco, mouse per computer, cuffie e alimentatori con il nome Fatal1ty. In onore dei suoi contributi ai videogiochi, Wendel ha ricevuto il primo premio alla carriera da eSports. È stato inserito nella International Video Game Hall of Fame nell’agosto 2010 e detiene un posto nel Guinness dei primati. Nel luglio 2012, Topps ha pubblicato il suo set Topps Allen & Ginter Baseball del 2012, che include autografi e carte memorabilia di magliette indossate di Wendel.

Scritto da Giuseppe Di Palma
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stipendi negli eSports: quanto guadagnano i giocatori professionisti?

Nuove regole Covid anche per andare allo stadio: i dettagli

Leggi anche
Contentsads.com