Come trasformare lo stress in eustress attraverso il fitness

Per trasformare lo stress in eustress, stress positivo, si può ricorrere al fitness.

Lo stress è sinonimo di palmi umidi e aloni le ascelle della camicia. Rovina inoltre ogni occasione per fare una buona impressione. Tuttavia può anche essere un potenziatore delle prestazioni, se accompagnato da una maggiore sensibilità, un’elevata consapevolezza e un maggiore afflusso di sangue ai muscoli.

Una questione di percezione

Lo stress è positivo o negativo? In realtà, non esiste uno stress intrinsecamente buono o cattivo, ma dipende dalla percezione che si ha di ciò che è attorno. Se l’esperienza di uno stimolo è negativa, probabilmente esso causerà una reazione ad impatto negativo sulla salute – angoscia. Al contrario, se l’esperienza è positiva, può aiutare a migliorare il proprio status quo – “eustress”. In altre parole, è possibile prendere qualsiasi stimolo, positivo o negativo che sia, e usarlo a proprio vantaggio.

Eustressing: lo stress buono

L’esposizione acuta, ovvero breve, a cattivo stress stimola l’aumento della temperatura corporea, della traspirazione, della frequenza cardiaca e una maggiore secrezione di un ormone chiamato cortisolo.

In un breve periodo di esposizione, in genere non si verificano danni duraturi alla salute. Nello sport, gli atleti si riferiscono a questa situazione come “essere in uno stato di eustress”, dove tutto riesce facilmente e ci si sente inarrestabile.

Un’ esposizione a lungo termine a fattori di stress, tuttavia, dipinge uno scenario molto diverso. Una maggiore e prolungata esposizione allo stress è collegata a malattie fisiche come malattie cardiache, Alzheimer e cancro, nonché a malattie psicologiche come ansia e depressione.

LEGGI ANCHE: Come prevenire gli infortuni alla spalla nella ginnastica

Trucchi mentali per sfruttare il potere dello stress

Quando uno stimolo influisce negativamente sul benessere, spesso si manifesta prima psicologicamente e poi attraverso sintomi fisici. Per rilasciare questa sensazione, è imperativo gestire sia i sintomi fisici che quelli psicologici. Per gestirli, ci sono, tra gli altri, anche questi tre modi.

Rilassamento muscolare progressivo

  • Che cos’è? Si tende un gruppo di muscoli mentre si inspira e li si rilassa mentre si espira
  • Come lo fai? Prima con grandi gruppi muscolari (addominali, quadricipiti, glutei, torace, schiena) e poi con ai piccoli gruppi muscolari (polpacci, spalle, bicipiti, tricipiti).
  1. Inspirare e contrarre il primo gruppo muscolare per 5-10 secondi.
  2. Espirare e rilassare improvvisamente e completamente il gruppo muscolare.
  3. Rilassarsi per 10-20 secondi prima di lavorare sul gruppo muscolare successivo.

Autoregolazione negli esercizi ad alta intensità e basso impatto

  • Che cos’è? L’autoregolazione è la pratica di basare lo sforzo fisico su una sensazione corrente piuttosto che su una preconcetta. Gli esercizi ad alta intensità e basso impatto sono quegli esercizi che stancano il corpo, ma hanno poca o nessuna forza associata sulle articolazioni.
  • Come lo fai? Ancora una volta, la parola chiave è “consapevolezza”. Basta essere presente durante l’esercizio, considerare come ci si sente e regolare lo sforzo di conseguenza

Respirazione consapevole durante lo yoga

  • Che cos’è? La respirazione consapevole controlla il ritmo, la profondità e la regione del corpo utilizzata per respirare. Lo yoga è una pratica consapevole di stretching, respiro e meditazione mirati.
  • Come lo fai? Le tre migliori opzioni sono ricostituente, vinyasa e yin yoga.

Bonus

  1. L’esposizione a stress cronico accelera l’invecchiamento.
  2. Chi soffre di stress cronico ha un tasso di mortalità superiore del 50%.
  3. Gli abitanti delle città hanno maggiori probabilità di soffrire di ansia e disturbi dell’umore.
  4. Si ritiene che il consumo di noci e semi di lino migliori la reazione allo stress.

Erbe e integratori per ridurre lo stress

L’assunzione quotidiana di un multivitaminico aiuta a ridurre. Ci sono molte altre erbe e integratori collegati al sollievo dallo stress.

  • La Bacopa è una pianta semi-tropicale nota per i suoi effetti di potenziamento cognitivo.
  • La camomilla è un fiore europeo comunemente trasformato in tè, usato tradizionalmente per calmare i nervi e curare l’insonnia.
  • La lavanda è un altro fiore il cui olio ha proprietà antibatteriche ma il cui profumo è comunemente usato per trattare l’ansia.

LEGGI ANCHE: Come potenziare il tuo cervello attraverso l’alimentazione e l’esercizio fisico

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come sopperire a un allenamento ripetitivo e monotono

Esercizi per combattere l’intestino pigro

Leggi anche
Contents.media