Jannik Sinner: “Alle 17 Matteo mi ha mandato un messaggio”

Le dichiarazioni del tennista altoatesino subentrato all'infortunato Matteo Berrettini.

In seguito al ritiro di Matteo Berrettini dalle Nitto ATP FInals per un problema addominale, è subentrato Jannik Sinner che ha esordito alle finali con una vittoria contro il polacco Hubert Hurkacz. Ecco le parole di Sinner nella conferenza post-gara: “Alle 17 Matteo mi ha mandato un messaggio che recitava: ‘scaldati Jannik, vai in campo e divertiti’.

E credo che avesse ragione su questo. C’è la tensione del momento ma volevo anche divertirmi questa sera. Non è stato semplice nemmeno per me questi due giorni perché non sapevamo niente: stamattina mi sono allenato ma poi non potevo tornare in albergo perché lui non aveva ancora deciso.

Posso solo immaginare quanto sia stato difficile per lui. Dall’esterno sembrano decisioni semplici ma non lo sono e probabilmente capiterà anche a me una situazione simile come è capitata a tutti i tennisti. Lui aveva giocato una stagione fantastica e meritava di giocare qui in casa”.

Il tennista altoatesino ha poi continuato: “Io avevo programmato di cominciare qui la preparazione fisica per la prossima stagione. Quando abbiamo saputo del problema di Matteo abbiamo dovuto cambiare da lunedì mattina. La mia classifica? È solo una conseguenza di come gioco.

Numero 11 a 20 anni andava bene lo stesso, anche se certo, numero 10 è meglio. Ma non guardo a quello quando sono in campo. Sono felice del mio livello di gioco di stasera”.

Jannik Sinner ha anche parlato del prossimo match : “Al momento voglio solo concentrarmi sul prossimo match. perché se voglio battere Daniil che è numero due al mondo e ha vinto uno Slam, devo giocare il mio miglior tennis. Quindi sarà una sfida molto dura, ma l’obiettivo è quello di ottenere il miglior risultato possibile”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lorenzo Musetti: “E’ un amico. Non c’è dualismo tra noi”

Dani Alves torna al Barcellona: “Voglio riportare in alto il club”

Leggi anche
Contents.media