Come scegliere una bici da corsa: i consigli

Non sempre è semplice scegliere una bici da corsa: vediamo insieme i dettagli necessari da valutare prima di acquistarla.

Se c’è un’attività che agli italiani piace fare, soprattutto in periodi meno bui e meno freddi, è senza dubbio una bella corsa in bicicletta. L’idea di fare una bella scampagnata tra i boschi, di ritrovare il contatto con la natura e nello stesso tempo svolgere attività fisica è quanto mai utile e dilettevole.

Il fascino di una bici da corsa è rimasto immutato da cento anni ad oggi. Le bici da corsa, per giunta, hanno quel carattere sportivo che consente loro di avere una forma slanciata e pronta ad ogni evenienza. Sono in grado di superare passi montuosi, di sfidare il vento o gustare la velocità allo stato puro su strade tortuose.

Come scegliere una bici da corsa

Nella scelta di una bici da corsa bisogna innanzitutto scegliere se comprarla online, su di un sito web, oppure rivolgersi al buon tradizionale rivenditore.

Si può sempre incominciare a farsi un’idea di quale modello scegliere, fare il confronto tra i numerosissimi in vendita, con le loro caratteristiche e i loro prezzi.

Se si osservano i dettagli tecnici presenti in rivenditori specializzati, molti di noi faranno fatica a barcamenarsi tra deragliatori, pignoni, pneumatici e selle. Il semplice elenco di descrizioni tecniche con la soluzione proposta potrebbe non risultare idoneo. Occorre saper scegliere un rivenditore serio, che possa garantire un’effettiva assistenza per l’acquisto del mezzo.

LEGGI ANCHE: Monitoraggio della potenza nel ciclismo

Aspetto economico

Certo, se si ha poco denaro in tasca è inutile andare a scegliere un tipo di bici da corsa che costa più di un’automobile. Meglio concentrarsi con qualcosa di più abbordabile, alla nostra portata. Decisa la fascia di prezzo ci si può orientare verso una ricerca meno dispersiva.

Tra il top della gamma e il livello intermedio, meglio optare per la seconda opzione. Infatti, contano soprattutto le capacità atletiche e psicologiche per poter affrontare anche le salite più dure. Una bici dall’elevato standard tecnologico non è detto che possa aiutarvi se prima non avete il giusto approccio a guidarvi.

Aspetto tecnico

I produttori delle bici da corsa negli ultimi anni hanno ridotto sensibilmente il peso dei materiali e di tutti i componenti. Certo occorre sapere valutare fino a dove ci si può spingere con la riduzione del peso, a fronte di un aumento inversamente proporzionale del prezzo.

Scegliere di destinare il prezzo soprattutto in riferimento al telaio e alle ruote può essere la giusta soluzione. I componenti della bici da corsa, infatti, possono essere sostituiti facilmente.

La misura della bici da corsa

La bici da corsa è uno strumento che si deve adattare alla misura della persona che la utilizza. L’atleta alto 187 cm non potrà trovarsi in condizioni agevoli su di una bici adatta per chi è alto 170 cm al massimo.

Online esistono calcolatori gratuiti che permettono d’inserire una serie di parametri, quali altezza, peso, ma anche posizione del busto e degli arti superiori.

Tra i valori che si devono considerare ci sono: lunghezza e inclinazione del piantone, misure delle pedivelle, posizione, inclinazione e arretramento della sella, distanza sella-manubrio, altezza da terra, attacco fra pedale e scarpa. Questi sono solo alcuni di quelli principali da tenere in considerazione al momento dell’acquisto di una bici da corsa. In definitiva occorre investire in una bici da corsa che sia il più possibile comoda, efficiente e che rappresenti il massimo nel rapporto con il denaro investito per averla.

LEGGI ANCHE: Come prepararsi per andare in mountain bike

Scritto da Lorenzo Carrega
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Rompere la monotonia degli allenamenti: i trucchi per non annoiarsi

Puma e Adidas: storia di due fratelli in guerra ai piedi degli atleti

Leggi anche
Contents.media