Infortunio durante l’attività sportiva: cosa fare al riguardo

Consigli e accorgimenti per chi incappa in un infortunio durante lo svolgimento di attività fisica.

Nessuno che pratichi sport è immune da infortuni, nonostante tutte le prevenzioni del caso. Tuttavia, ciò che si può controllare sono le azioni che si intraprendono in seguito, in modo da ridurne l’impatto. Riposo e impacchi di ghiaccio aiutano, ma non sono i soli.

Un infortunio sportivo influisce su diversi aspetti del benessere di una persona: fisico, psicologico, nutrizionale e sociale. Adottare un approccio olistico per curare il proprio infortunio può essere il modo migliore per renderlo solo un brutto ricordo.

Le conseguenze di un infortunio: l’impatto fisico

Innanzitutto, mai e poi mai bisogna affidarsi a Google. Una delle cose migliori da fare il prima possibile dopo un infortunio sportivo è farlo esaminare da un professionista sanitario di fiducia.

Un professionista proattivo è la soluzione migliore, cioè qualcuno che avvia un programma di riabilitazione attiva con esercizi specifici.

  • Individuare i punti deboli

Individuare gli anelli deboli nei propri schemi di movimento e affrontarli attraverso un programma di esercizi personalizzato può fare molto per prevenire futuri infortuni.

  • Nessun dolore, nessun guadagno? Non necessariamente.

È controproducente smettere del tutto di muoversi quando si ha un infortunio. Altrettanto, fare esercizio con certi tipi di dolore può essere dannoso.

Ancora una volta, un fisioterapista o un medico saprà consigliare con quali tipi di dolore continuare ad allenarsi e con quali fermarsi.

  • Scambi sportivi temporanei

Magari ci sono altri tipi di sport o attività che si possono praticare mentre ci si riprende da una lesione. Ad esempio:

  1. Un corridore può sostituire la corsa con il ciclismo.
  2. Un tennista con una spalla infortunata può comunque andare in palestra per allenarsi con i pesi della parte inferiore del corpo.

L’impatto nutrizionale: come il cibo può aiutare a recuperare più velocemente

Il ruolo dell’alimentazione per un recupero ottimale dopo un infortunio è spesso sottostimato. Una dieta sana è indispensabile per la salute generale e lo è ancora di più durante la ripresa da un infortunio. Piccole ma produttive modifiche della propria alimentazione possono davvero fare la differenza.

  1. Calcio. D’aiuto per la formazione ossea, per la coagulazione del sangue e per la contrazione muscolare. Si trova negli spinaci e nei cavoli principalmente.
  2. Ferro. D’aiuto nella produzione di globuli rossi e nel trasporto di ossigeno nei muscoli. Favorisce il sistema di trasporto degli elettroni e supporta nel sistema immunitario. Presente in asparagi, piselli verdi, zucca e semi di zucca.
  3. Magnesio. Rafforza la salute dei muscoli e dei nervi, la forza ossea. Aiuta la produzione di energia e stimola il ritmo cardiaco. Ne contengono molto gli spinaci, le lenticchie, i fagioli e la bietola.

L’impatto psicologico: come recuperare da un infortunio

Per molti versi, lo stress derivante da un infortunio sportivo si presenta sotto forma di interruzioni della routine quotidiana e di quella degli altri nella propria vita. Ad esempio, se ci si prende cura di bambini piccoli o familiari anziani, la capacità di fornire assistenza fisica può essere limitata dalla lesione. E un lavoro fisicamente impegnativo può essere impossibile.

  • Chiedere aiuto

Se si è caregiver e queste interruzioni aumentano i livelli di stress, si potrebbe anche sperimentare interruzioni del sonno, della digestione e della concentrazione o, peggio, aumento dei livelli di cortisolo. Chiedere aiuto non è un reato: babysitter, parenti e centri di assistenza esistono di proposito.

  • Sconfiggere la paura di un nuovo infortunio

Una preoccupazione ben documentata negli atleti dopo un infortunio è la paura di un nuovo infortunio. Questa paura è spesso abbastanza significativa da impedire agli atleti di tornare alla competizione e aumenta la probabilità di un nuovo infortunio. Sebbene la riabilitazione sia utile per combattere questa paura, può essere difficile rimanere motivati.

  • Stabilire obiettivi realistici

La definizione degli obiettivi e le immagini possono essere utilizzate per ridurre l’impatto psicologico che accompagna gli infortuni sportivi.

  1. Per una definizione efficace degli obiettivi, assicurarsi di stabilire obiettivi a breve e lungo termine e di utilizzare il principio SMART, creando obiettivi specifici, misurabili, raggiungibili, realistici e tempestivi.
  2. L’immaginazione implica la visualizzazione di se stessi mentre si esegue con successo un’attività specifica per uno sport con quanti più sensi e quanti più dettagli possibili. La pratica rende perfetti con questa abilità.

L’impatto sociale di una lesione

Non è raro che gli atleti si sentano come se i loro allenatori non fossero preoccupati per il loro recupero e che amici e familiari non fossero in grado di relazionarsi a ciò che stanno vivendo. In combinazione con il tempo lontano dai compagni di squadra e dai compagni di allenamento, non sorprende che la sensazione di isolamento sia un effetto ben documentato degli infortuni sportivi.

  • Mantenere i propri contatti

Restare in contatto con i propri compagni di squadra o altri contatti legati allo sport può essere utile per mantenere una prospettiva positiva ma realistica durante il recupero.

  1. Partecipare alle sessioni di formazione, ma limitare la propria partecipazione di conseguenza.
  2. Incontrare i compagni di squadra al di fuori dell’ambiente sportivo per rimanere informato sulle prestazioni.
  3. Mantenere la comunicazione tra con il proprio allenatore e con chi è coinvolto nella riabilitazione tenendoli informati sull’andamento.
  4. Riempire il tempo extra al di fuori della riabilitazione con altre attività significative, come hobby o volontariato.
Scritto da TheAuthorBOT
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allenamento nei boschi: tutti gli esercizi consigliati

Come allenare la propria forza: tutti gli esercizi consigliati

Leggi anche
Contents.media