Hockey: Alex Frei lascia Asiago

L'attaccante 28enne ha deciso di fare ritorno ai Rittner Buam.

Alex Frei ha deciso di lasciare i gialllorossi: l’attaccante di Caldaro tornerà a giocare con i Rittner Buam, in modo da poter contemporaneamente lavorare nell’azienda di famiglia.

L’ala numero 21 si è distinta in questa stagione realizzando 38 punti in 37 partite di Alps Hockey League e 5 punti in altrettante gare di Serie A.

Nei playoff di Alps Hockey League, Frei è stato fondamentale, siglianfo 8 gol in 8 partite, affinché la Migross Asiago accedesse alla finale, a cui l’attaccante, però, non ha potuto partecipare per un infortunio alla spalla che ha posto fine alla sua stagione.

“Ho deciso di prendere questa scelta perché devo tornare a lavorare nell’azienda di famiglia, coltivando meleti e vigneti, e giocare a Collalbo mi permette di conciliare lavoro e sport.

La mia esperienza è stata veramente soddisfacente, mi sono divertito tantissimo! Già dal primo giorno i compagni di squadra, la società e i tifosi mi hanno subito accolto benissimo e mi hanno aiutato ad intraprendere questa nuova avventura. È stata l’esperienza che mi aspettavo: un hockey diverso da quello che ero abituato a vivere, ho potuto vivere da professionista al 100% e ho potuto provare un nuovo modo di affrontare l’hockey in Italia.

Ho capito veramente che Asiago è una città che va matta per l’hockey, dove tutti sostengono la squadra e mi dispiace di non essermi goduto il tifo incredibile che si vive all’Odegar e che ero abituato a sentire solo come avversario. Speriamo di poter riavere gli stadi aperti così potrò assaporare nuovamente il tifo Giallorosso insieme a quelli dei tifosi dei Rittner Buam. Ringrazio tutti per questa esperienza, dalla società ai compagni di squadra e tifosi. La famiglia Giallorossa mi rimarrà per sempre nel cuore”, con queste parole l’attaccante 28enne ha salutato la Migross Asiago.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Inter, Arturo Vidal rimanda l’addio

Max Biaggi: “Marquez, che peccato! Rossi nella top 10 ma non è il solito Valentino”

Leggi anche
Contents.media