Randazzo: “Ci credevo, so di valere di più”

"Quest'anno mi sono stabilizzato su certe misure, ma per fare il definitivo salto di qualità c'è bisogno di qualcosa in più".

Filippo Randazzo ha chiuso all’ottavo posto la finale del salto in lungo alle Olimpiadi di Tokyo 2020.

“La mia qualificazione lasciava presagire un risultato diverso, ovvero il salto che sento di aver dentro ma che ancora fa il timido e non riesce a venire fuori.

Ci credevo, so di valere più di 8,20, e quando sei in una finale olimpica vorresti giocartela fino in fondo. Invece non ci sono riuscito, quindi non posso che essere deluso. Quest’anno mi sono stabilizzato su certe misure, ma per fare il definitivo salto di qualità c’è bisogno di qualcosa in più”.

Randazzo, dopo aver saltato 7,99 m al secondo tentativo, non è più stato in grado di migliorarsi.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Meo Sacchetti: “Con la Francia serve prestazione sopra le righe”

Mazzanti: “Ai quarti di finale da arrabbiati”

Leggi anche
Contents.media