Basket Nba, la finale di Conference tra Mavericks e Warrios sta dando spettacolo

in questa stagione i playoff Nba stanno riservando tantissime sorprese. Situazioni del tutto inaspettate, che hanno colto di sorpresa anche i vari addetti ai lavori.

Con buona pace di tutti coloro che amano fare pronostici e giocare gratis al casino, in questa stagione i playoff Nba stanno riservando tantissime sorprese. Situazioni del tutto inaspettate, che hanno colto di sorpresa anche i vari addetti ai lavori.

Ad esempio, in pochi avrebbero immaginato che i Warriors potessero tornare ad essere così competitivi con il ritorno dall’infortunio di Klay Thompson, dopo aver perso la loro stella Durant. Invece, stanno riuscendo nell’impresa di provare a giocarsi nuovamente una finale per il titolo. Merito, senza ombra di dubbio, di una squadra perfetta costruita ancora una volta da coach Steve Kerr alle spalle del solista per eccellenza, ovvero Steph Curry, giocatore fenomenale e in grado di fare cose fuori dall’ordinario ogni volta che scende in campo.

La situazione nella serie tra Golden State e Dallas

In pochi, allo stesso modo, avrebbero mai pensato di vedere i Mavericks in finale di Conference, dopo un inizio di stagione piuttosto complicato. Eppure, la stella del fenomenale sloveno Luka Doncic è brillata proprio nel momento in cui serviva di più, ovvero nella post-season e anche gli avversari si stanno rendendo conto che si tratta di un all-star sotto tutti i punti di vista.

Mai far arrabbiare Doncic, eppure Golden State si trova già sopra 2-0 nella serie. Un vantaggio non indifferente, dato che da questa situazione, i Warriors difficilmente anche nel passato non hanno raggiunto il turno successivo. Una squadra che sembra difficile da fermare in attacco, ma anche in questo caso ha palesato qualche passaggio a vuoto di troppo a livello difensivo.

In gara-2, infatti, Dallas ha provato a scappare nel primo tempo e l’ha pure fatto, per merito di percentuali importanti nel tiro dalla lunga e di una bassa resistenza difensiva dei padroni di casa. Nel secondo tempo, invece, si è scatenato il ciclone dei padroni di casa, presi ancora una volta per mano da Steph Curry, vero e proprio leader sotto ogni punto di vista.

Futuro hall of famer, senza alcun dubbio, ancora una volta si sta dimostrando un giocatore irreale, in grado di conservare un equilibrio e una lucidità super ogni volta che c’è da prendere una scelta decisiva ai fini del risultato finale. Ora la serie si sposterà in Texas ed è chiaro che Dallas farà di tutto per riportarsi quanto meno in parità.

Il fattore Looney

In questo momento, Golden State sta avendo tanto anche da tutti gli altri giocatori al fianco di Curry. Ad esempio, Kevon Looney sta sicuramente disputando delle partite eccellenti ed è una delle ragioni per cui i Warriors sono avanti 2-0 nella serie. Alla fine di gara-2 ha ricevuto anche i complimenti da parte di coach Steve Kerr, sottolineando come si tratti di un giocatore fin troppo sottovalutato, ma in realtà fondamentale per il gioco dei Warriors.

D’altro canto, la rimonta da uno svantaggio di 17 lunghezze nel primo tempo non è frutto della casualità. Doncic nei primi due quarti è stato sontuoso, ma ancora una volta la squadra californiana dimostra di essere un vero e proprio ciclone, che si può scatenare in qualsiasi momento del match.

Già in gara-1 Kevon Looney aveva messo in campo una prestazione di tutto rispetto, ma nella seconda gara delle Finali ad ovest di Conference ha davvero tirato fuori dal cilindro una grandissima partita. I numeri sul tabellino alla fine della gara non mentono: Looney ha tirato con percentuali super, chiudendo con 10/14 dal campo per 21 punti, da sommare anche a 12 rimbalzi e una difesa eccellente sui tiratori avversari. Rimane in ogni caso uno specialista difensivo, anche se d’ora in avanti Steve Kerr sa che Looney può dare un grande apporto anche a livello offensivo.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Quanto guadagna chi vince la Serie A

Giro d’Italia: quali sono state le imprese diventate leggendarie

Leggi anche
Contents.media