Thuram jr, le scuse dopo il brutto gesto: “Accetterò conseguenze”

Il figlio d'arte parla il giorno dopo l'espulsione dopo uno sputo in faccia a Stefan Posch, durante Borussia Moenchengladbach-Hoffenheim.

“Pronto ad accettare le conseguenze”. A poco meno di ventiquattr’ore di distanza dal censurabile gesto durante Borussia Moenchengladbach-Hoffenheim, uno sputo in faccia al calciatore ospite Stefan Posch, Marcus Thuram chiede scusa e si dice pronto ad assumersi le proprie responsabilità.

Sui social, il figlio di Lilian (difensore di Parma e Juventus a cavallo fra gli anni ’90 e 2000) ammette di essersi comportato in modo imperdonabile: “E’ successa una cosa che non fa parte del mio carattere e che non può ripetersi mai più – ha scritto sul suo profilo Instagram –. Mi sono comportato male nei confronti di un avversario. Mi scuso con tutti, con Posch, con tutti i miei avversari, con i miei compagni di squadra e con la mia famiglia, oltre che con tutti coloro i quali hanno visto la mia reazione.

Naturalmente accetto tutte le conseguenze delle mie azioni”.

Marcus Thuram non era noto, prima d’ora, per atteggiamenti particolarmente scorretti: da quando ha esordito fra i professionisti (stagione 2014/15 con la maglia del Sochaux, in Ligue 2) ha infatti raccolto in carriera 18 cartellini gialli e 3 rossi, l’ultimo dei quali due anni fa, quando ancora vestiva la maglia del Guingamp.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Juventus, pronto il colpo per la fascia: garantisce Cristiano Ronaldo

F1, da Sebastian Vettel parole al veleno sulla Ferrari

Leggi anche
Contents.media