Gli stadi migliori del mondo: la classifica

Tra concerti ed eventi, tra calcio e sport, tra tifo e divertimento. Quali sono i migliori stadi del mondo?

Non solo calcio, concerti ed eventi: lo Stadio rappresenta molto di più. Design, spettacolo, ma soprattutto emozione e senso d’appartenenza. Quali sono i migliori stadi del mondo?

Gli stadi migliori del mondo: la classifica dei più iconici

Alcuni sono maggiormente impressi nell’immaginario comune, altri sono inevitabilmente legati alla fede calcistica.

Al di là dei soliti criteri di capienza e prestigio, confrontare gli stadi più importanti del mondo non è semplice. Tutti, in un modo o nell’altro, sono teatro di grandi emozioni.

10. Wanda Metropolitano, Madrid

Casa dell’Atlético Madrid dal 2017, il Wanda Metropolitano nasce nel 1993 come stadio di atletica leggera. Con i suoi oltre 68mila posti, è il terzo stadio spagnolo per capienza dopo il Camp Nou e il Santiago Bernabéu.

Oltre alle partite di campionato, è stato sede della finale Champions League 2018-2019, disputata il 1º giugno 2019 tra Liverpool e Tottenham.

wanda metropolitano madrid

9. Olimpiastadion, Berlino

L’impianto, situato nella Berlino occidentale, è stato costruito per le olimpiadi del 1936 e inaugurato all’inizio dei giochi da Adolf Hitler.

Progettato dall’architetto locale Werner March, ospitava inizialmente 100.000 persone. Ai giochi olimpici del 1936 è teatro della grande beffa di Jesse Owens, l’atleta di colore vincitore di quattro medaglie d’oro davanti a gerarchi e teorici della superiorità della razza. Lo stadio ospita l’Hertha Berlino dal 1963, anno di fondazione della Bundesliga. Ma, soprattutto, l’Olympiastadion ha ospitato la finale dei Mondiali 2006. Esatto, il cielo è azzurro sopra Berlino.

aaaa

8. San Siro, Milano

Terzo stadio europeo per capienza, lo stadio Meazza di Milano è uno dei simboli del calcio italiano. Costruito nel 1926, viene in seguito intitolato a Giuseppe Meazza, giocatore e allenatore di entrambe le squadre cittadine. Nel 2009 il quotidiano britannico The Times lo definisce il secondo stadio più bello del mondo, dopo il Westfalenstadion di Dortmund. Oltre alle partite di Milan e Inter, ha ospitato finali di Champions (nel ’65, ’70, 2001 e 2016) e incontri tra nazionali.

meazza

7. Maracanã, Rio de Janeiro

Inaugurato nel 1950, il Maracanã è stato più volte ristrutturato; l’ultima volta in occasione di Rio2016. L’impianto è stato anche teatro di molti importanti concerti, tra i quali spiccano quelli di Frank Sinatra per il trentesimo anniversario, quando il 16 gennaio 1980 radunò 180 000 spettatori. Quelli di Tina Turner e Paul McCartney, nel 1988 e nel 1990 si aggiudicano il Guinness dei primati per aver venduto 182 000 biglietti. A superare il primato ci hanno pensato gli A-ha durante l’edizione di Rock In Rio 1991 con 198 000 biglietti venduti.

6. Camp Nou, Barcellona

È il primo stadio in Europa e il terzo al mondo per capienza, dopo il Rungrado May Day Stadium (Pyongyang, Nord Corea) e il Salt Lake Stadium (Molkata, India). Il Camp Nou lega il suo nome a quello del Barcelona FC. Innumerevoli gli eventi sportivi di rilievo: dai Mondiali 1982, alle Olimpiadi 1992, alle finali di Champions League e di Supercoppa.

camp nou

5. Parco dei Principi, Parigi

Attuale casa del PSG, nel corso dei suoi 47 anni di operatività ha ospitato due edizioni del campionato europeo, un’edizione del campionato mondiale di calcio e il mondiale di calcio femminile 2019. Per quanto riguarda il rugby, due edizioni della coppa del Mondo (nel 1991 e nel 2007) e un’edizione della coppa del Mondo di rugby a 13 (1972). A livello di club invece ha ospitato le finali delle tre maggiori competizioni dell’UEFA (le Coppe dei Campioni 1974-75 e 1980-81, la Coppa delle Coppe 1977-78 e 1994-95 e la Coppa UEFA 1997-98), nonché la finale di Coppa Europa di rugby (2000-01).

parco dei principi

4. Wembley, Londra

Completato nel 2007 con la spesa da primato di 757 milioni di sterline (918 milioni di euro), il nuovo Wembley è lo stadio più costoso mai costruito dopo lo Yankee Stadium con 1,5 miliardi di dollari (1,1 miliardi di euro). Capace di ospitare 90.000 spettatori, è teatro di concerti ed eventi di rilievo internazionale. Il primo concerto che si è tenuto al nuovo Wembley Stadium è stato quello di George Michael, durante il suo 25 Live Tour il 9 e 10 giugno 2007. Primo di una lunga serie, che vede artisti del calibro di Madonna e Muse esibirsi al Wembley.

wembley

3. Allianz Arena, Monaco di Baviera

Iconico e avanguardistico, lo stadio del Bayern si merita il podio. Poiché i diritti di denominazione dell’impianto sono stati ceduti per 30 anni al gruppo Allianz, è conosciuto come Allianz Arena. Tuttavia, lo stadio è stato chiamato FIFA World Cup Stadium Munich durante il Campionato mondiale di calcio 2006, mentre durante le competizioni europee assume il nome di Fußball Arena München come da regolamenti UEFA. È soprannominato Schlauchboot (gommone), per via della sua caratteristica forma.

allianz arena

2. Old Trafford, Londra

Sede del Manchester Utd dal 1910, è stato soprannominato The Theatre of Dreams da Bobby Charlton. Con i suoi 74.994 posti a sedere è il secondo stadio più capiente d’Inghilterra dopo lo stadio di Wembley, nonché il terzo del Regno Unito e l’undicesimo d’Europa; si tratta, inoltre, dell’unico stadio inglese che ha ricevuto le 5 stelle dalla UEFA.

old trafford

1. Santiago Bernabéu, Madrid

Casa del Real Madrid e sede di moltissimi incontri di rilievo internazionale, il Bernabéu è il più iconico stadio al mondo. Ideato dall’architetto José María Castell, l’impianto fu inaugurato il 14 dicembre 1947 come Nuevo Estadio Chamartín, prima di essere ribattezzato con il nome attuale il 4 gennaio 1955 in onore di Santiago Bernabéu. Similmente all’Olympiastadion, è inoltre – nell’immaginario italiano – legata a una finale dei Mondiali. Qui, nel 1982, infatti, l’Italia di Bearzot sconfisse la Germania Ovest e salì sul tetto del Mondo.

bernabeu

LEGGI ANCHE: La storia del San Mamés, la Catédral dell’Athletic Club

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’Aprilia resta nelle MotoGp, Ezpeleta esulta

Chi è Matteo Darmian, il terzino italiano dell’Inter

Leggi anche
Contents.media