Imanol ha selezionato 12 realisti per il suo casting

La pre-stagione è appena iniziata e somiglia molto a un provino. I 12 giocatori chiamati da Imanol, gli allenatori e Olabe per iniziare il periodo di adattamento hanno avviato giovedì in privato la pre-stagione della Real con una sessione mista, prima in palestra del ‘z1’ poi sul campo di gioco del ‘z2’, con solo il pallone alla fine.

Nessuno dei 12 ha un posto garantito nella prima squadra della prossima stagione. Infatti, tutti indossavano numeri dal 30 in su sui loro pantaloni. Devono guadagnarselo e questa pre-stagione sarà una sorta di test e competizione per tutti, forse ad eccezione di Roberto López, che sta pensando di trasferirsi al Leganés.

Imanol avrà bisogno di loro perché, per esempio, non ha al momento terzini sinistri – ecco perché ci sono Balda e Jonathan Gómez – e è piuttosto scarsa di centrocampisti a causa della presenza di Merino e Zubimendi all’Eurocopa. Questo spiega perché ci siano così tanti giocatori che si muovono come mezzepunte come Goti, Marín o Roberto López o un po’ più indietro, come Gorrotxategi. Tuttavia, ci sono giovani in tutte le posizioni – addirittura ieri si è unito anticipatamente il portiere Aitor Fraga per completare la pre-stagione reale.

Lunedì si uniranno i portieri Unai Marrero e Egoitz Arana.
GORROTXATEGI
Piaceva già l’estate scorsa
Jon Gorrotxategi è uno di quei giocatori che Imanol vuole tenere vicino, anche se non ha ancora debuttato con la Real. È un centrocampista del 2002 che ha già mostrato dettagli molto positivi l’anno scorso durante la pre-stagione della prima squadra. La sua stagione in Seconda squadra è stata notevole: 35 partite, tre gol, due assist e 3.062 minuti. Prestare particolare attenzione ai suoi tiri da lontano.
GOTI
La grande opportunità per il centrocampista vizcaíno.

Imanol non vuole perdere di vista un altro calciatore, anche se non si è ancora debuttato o allenato molto con la prima squadra. L’anno scorso è stato il suo primo anno con il Sanse dopo che la Real lo ha ‘strappato’ all’Athletic, mostrando costanza, lampi di genio e segnando tre gol. Possiede talento e un ultimo passaggio notevole nella trequarti.

MAGUNAZELAIA

Se la Real non lo trattiene, non potrà essere promosso

Magunazelaia è uno dei calciatori più stabili (16 partite con la Real) e stimati da Imanol, ma si trova in una situazione complicata. Nato nel 2001, non può più essere in bilico tra la prima e la seconda squadra. Se non rimane nella squadra di Primera, sarà mandato al Sanse, e per la sua età, non potrà più giocare nella squadra di Prima Divisione.

IBRAHIMA CAMARA

Una presenza molto inaspettata

La sua ultima stagione nel team di riserva, la prima dopo essere stato acquistato dall’Atletico Madrid, è stata davvero strana. Ha impiegato molto tempo per iniziare a giocare, forse a causa della mancanza di forma fisica, ma ha concluso la stagione con una prestazione notevole, che gli permette di mostrarsi agli occhi di Imanol. Ora che Cantero e Jon Martín non ci sono più, combatterà per un posto da difensore centrale nel Sanse con Peru e Beitia.

JON MARTÍN

Grandi speranze per la grande promessa del club

Se la Real accetta di vendere Le Normand per un prezzo inferiore alla sua clausola, è perché vuole promuovere Pacheco, ma sopratutto Jon Martín. Nonostante i suoi 18 anni, lui è visto come qualcuno che sta iniziando a maturare e pronto a brillare nelle prossime due stagioni. Infatti, ha tutte le qualità di un bravo difensore destro. Probabilmente, rimarrà nella prima squadra con la promozione dal team di riserva.

RUPÉREZ

Una grande scommessa nonostante la competizione

Nel ruolo di terzino destro, la Real ha molte opzioni tra Traoré, Odriozola, Sola, Aramburu e persino Aritz. Tuttavia, la scelta cade sempre su Iñaki Rupérez, con il quale hanno firmato un contratto fino al 2027. A soli 21 anni, ha segnato un grande gol nei 27 match disputati con il Sanse.

KARRIKABURU
Un’altra sfida per il calciatore proveniente da Baztan
Il destino sembra portarlo verso un altro prestito. Ciononostante, con un contratto in vigore fino al 2026, potrebbe aver l’opportunità di fare il salto definitivo, visti i deludenti risultati dei centravanti la scorsa stagione. Imanol esige di più da lui a vari livelli, ma Karrikaburu ha il gol che la squadra necessita e che non è stato ancora visto né in Serie A né in Serie B.

PABLO MARÍN
Seconda possibilità dopo una stagione a secco
Pablo Marín è indicato come uno dei prescelti e le sue 17 partite con la Real nella stagione 2022/23 – inclusa quella contro il United – hanno messo in mostra le sue abilità. Quest’anno, Imanol vuole dargli una seconda chance, mantenendolo in prima squadra nonostante l’anno scorso non lo abbia utilizzato. Sarà in rosa e giocherà con il numero del B-team.

JONATHAN GÓMEZ
Pronto per conquistare il posto fisso
Jonathan Gómez ha dovuto rinunciare alla sua partecipazione ai Giochi Olimpici per poter allenarsi sotto la guida di Imanol. È a conoscenza che ha una grande possibilità di fare il salto definitivo. Sergio Gómez potrebbe ostacolarne la permanenza in squadra, ma il calciatore texano, dopo aver dimostrato il suo valore in Mirandés, si sente pronto per giocare in Serie A e in Europa.

BALDA
Il vantaggio della polivalenza.

Jon Balda, un altro ‘purosangue’ del 2022, ha il ‘vantaggio’ di essere un calciatore versatile. Sebbene sia naturalmente un esterno di sinistra, è stato impiegato come terzino sinistro per necessità. In Giappone ha giocato in attacco con la Real. L’anno scorso ha superato un infortunio grave alla caviglia, ma ora è recuperato e desideroso di dimostrare il suo valore. È nato nel 2002.

ROBERTO LÓPEZ
Desidera trasferirsi al Leganés e attende un accordo
Se Roberto López è tra quelli che stanno vivendo questo periodo di transizione, è perché la Real e il Leganés non sono ancora giunti a un accordo definitivo per il suo trasferimento. Il club gli ha detto che non c’è spazio per lui e lui lo ha trovato nella squadra appena promossa del Leganés, che offre alla Real un bonus di circa un milione in caso di permanenza e un’opzione di riacquisto.

FRAGA
Improvvisa apparizione del portiere
La Real continua ad aspettare che emerga un portiere dalla cantera e Aitor Fraga è uno di quelli che vorrebbe candidarsi. È stato nell’orbita della prima squadra per quanto riguarda gli allenamenti durante tutta la scorsa stagione, ma ha giocato solo nel Sanse (12 partite) e nel C (24). Quest’anno deve fare un altro passo in avanti. Giovedì si è presentato a sorpresa perché teoricamente era convocato per l’8.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’abitudine sgradevole di lasciarsi alle spalle un ‘9’ ogni estate

Pellegrini si appoggia ai giovani provenienti dall’accademia per mettere in moto la squadra