L’abitudine sgradevole di lasciarsi alle spalle un ‘9’ ogni estate

La gestione sportiva dell’Espanyol sta intensificando le trattative per assicurarsi i rinforzi necessari ad affrontare il ritorno in Prima Divisione con successo. Uno degli obiettivi è cercare di mantenere i punti di riferimento della squadra che ha conquistato la promozione, i calciatori essenziali nell’undici di Manolo González.

Non sarà semplice, dato che lo stesso CEO Mao Ye non ha escluso la possibilità di cedere qualche giocatore chiave questa estate, un timore che Fran Garagarza ha evocato durante la presentazione dell’allenatore. “Lavoreremo sodo per far sì che i giocatori più importanti rimangano con noi.

Siamo disposti ad ascoltare, ma dobbiamo rimanere forti. Il patrimonio dei giocatori è fondamentale e non possiamo permetterci di perdere i più importanti, perché quelli che arriveranno potrebbero non essere allo stesso livello”, ha avvertito il capo del settore sportivo.
Un dei calciatori la cui sorte futura è incerta è Martin Braithwaite. Gli resta un anno di contratto con il club catalano, ma potrebbe essere ceduto per una somma irrisoria a seguito di quanto concordato un anno fa dopo la fuga da Marbella. Resterà o no Braithwaite all’Espanyol la prossima stagione? È la domanda del milione, la grande preoccupazione dei tifosi, abituati a perdere ogni estate un ‘9’ di valore, una pratica che l’Espanyol ripete nei mercati estivi.
Non è un’affermazione infondata, dato che il club bianco blu ha venduto i suoi ‘9’ di punta negli ultimi 7 anni, durante gli ultimi sette mercati estivi, una brutta abitudine che si ripete dal 2017.
Nell’agosto del 2017, Felipe Caicedo fu ceduto alla Lazio per 2,5 milioni di euro, una somma molto inferiore a quella che il presidente Chen sperava di guadagnare dal calciatore ecuadoriano.

Nel giugno 2018, Gerard Moreno, uno dei trasferimenti più traumatici per il club di Espanyol, si trasferì a Villarreal, contribuendo con 20 ‘chilogrammi’ alle casse del club (metà della sua clausola), dal momento che Villarreal possedeva già il 50% dei suoi diritti.
Nell’estate successiva, agosto 2019, Borja Iglesias lasciò il club catalano per il Betis, che pagò l’intera clausola di 28 milioni a un Espanyol qualificato per l’Europa League.
Le partenze dei giocatori in avanti da Espanyol non terminano qui durante i mercati estivi. Negli ultimi due anni, i profili che ‘volavano’ erano più bassi. Jonathan Calleri arrivò per sostituire il ‘Panda’ nel 2019 e lasciò la squadra nell’agosto 2020, mentre Matías Vargas, che non riuscì mai a mostrare la sua migliore versione, lasciò definitivamente il club nel 2022.
L’estate del 2022 fu caratterizzata da un mercato molto movimentato, segnato in particolare da Raúl de Tomás, che lasciò in silenzio per il Rayo Vallecano nell’ultimo respiro della finestra estiva.
L’ultimo episodio di questa lunga lista di attaccanti che hanno lasciato l’Espanyol ogni estate è stato firmato da Joselu Mato. Fu mandato in prestito al Real Madrid un anno fa, sapendo che non sarebbe tornato al club catalano. Solo una settimana fa, il club di Madrid ha pagato l’opzione di acquisto di 1,5 milioni per facilitare la sua trasferta nel calcio qatariota.
Per non dimenticare altre traumatiche partenze di attaccanti ‘top’ dall’Espanyol, come quella di Daniel Osvaldo nel agosto 2011 verso la Roma per 18 ‘chilogrammi’.

Braithwaite sarà il protagonista dell’usuale partenza dell”attaccante numero 9′ quest’estate? Nonostante ci siano molte domande e poche risposte, il danese ha gettato la benzina sul fuoco pochi secondi dopo aver ottenuto la promozione, sferrando una stoccata al club ricordando come non si sia sentito apprezzato nell’ultima offerta di rinnovo contrattuale. Tuttavia, non ha escluso la possibilità di rimanere… Il classico dramma di ogni agosto è pronto per essere servito.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’unico cambiamento nel ritorno del Valencia è Dimitrievski

Imanol ha selezionato 12 realisti per il suo casting