“La ristrutturazione è arrivata un po’ in ritardo, tuttavia è finalmente qui.”

Il rinnovo del contratto di Alex Berenguer è stato lungo ad arrivare. Il giocatore e l’Athletic ne hanno ufficializzato l’intesa domenica 7 luglio, dopo lo scadere del precedente contratto. “Si trattava di negoziazioni. Io ero in vacanza e non è facile conciliare tutto.

Penso che avremmo comunque raggiunto un buon esito perché sia il club che io volevamo la stessa cosa. È arrivato un po’ in ritardo, ma è arrivato”, ha dichiarato il navarro nella prima conferenza stampa della stagione 2024-25.
Essere nervosi quando l’accordo non sembra chiudersi? “No, ero tranquillo.

Io e il club eravamo sulla stessa lunghezza d’onda. Era solo questione di tempo per raggiungere un accordo”, ha aggiunto.
L’ala è stata una delle figure chiave nella vittoria della Coppa a La Cartuja. Anche questo ha avuto un impatto. “Certo, vincere titoli e essere un protagonista influisce, ma l’ho detto fin dall’inizio, volevo rimanere qui, voglio fare un buon lavoro e questo è un club dove posso essere importante e vincere molto”, ha commentato. Il numero ‘7’ dell’Athletic sarà ricordato come il calciatore che ha segnato l’ultimo rigore nella serie che ha portato alla vittoria della 25^ Coppa nella storia del club rosso-nero: “È stato un momento bellissimo, alla fine senti che tutti ti guardano, vincere un titolo dopo 40 anni, ma in quel momento ero molto tranquillo. Ero sicuro al 100% che avrei segnato e sapevo dove avrei tirato. È stata questione di secondi, aspetta un po’ e poi segna”.
Valverde ha sottolineato più volte l’importanza dell’ex giocatore del Torino. Anche l’opinione dell’allenatore ha avuto peso. “Ho parlato con il mister qualche volta, so che gli piaccio. Essere apprezzato all’interno della squadra è un altro vantaggio per il rinnovo”, ha ammesso.

Giocare in Europa è un ulteriore stimolo, ma la decisione era stata presa in precedenza. “Era chiaro per me sin dall’inizio, volevo restare qui. Ci sono aspetti che hanno influenzato, ma la decisione era già quasi al 95% presa prima della nostra entrata in Europa”. L’ala non ha considerato altre offerte. “Sapevo esattamente cosa volevo. Non ho praticamente ascoltato nessuno, dal termine della stagione fino alla firma ho solo pensato al giorno in cui avrei rinnovato il mio contratto”.

Berenguer era il terzo miglior marcatore la scorsa stagione, dopo Guruzeta e Iñaki Williams, nonostante non fosse un titolare. Ha dovuto lottare per essere scelto come titolare dai due fratelli su ogni ala. “Ho ottenuto un rendimento molto buono, ho dimostrato di essere all’altezza di chiunque in questa squadra, che posso essere scelto come titolare quando l’allenatore lo desidera. È sempre l’allenatore a scegliere chi schierare nell’undici titolare, ma ogni volta che è stato il mio turno, ho dimostrato di essere all’altezza. Quando mi è stato chiesto di rispondere ho risposto bene. Ho rispettato le aspettative. Per questo sono molto soddisfatto della stagione passata, quest’anno è un’altro anno, con nuovi stimoli, vedremo cosa succede”, ha dichiarato.

“Dico sempre, lavorerò al massimo e darò tutto quello che ho e poi è l’allenatore a decidere chi schierare, ma farò in modo che sia difficile scegliere per cercare di giocare un po’ di più rispetto all’anno scorso”, ha affermato riguardo le sue previsioni per la stagione che inizierà il 15 agosto con la visita del Getafe a San Mamés.

Quest’anno il livello di attacco aumenta con l’arrivo di Álvaro Djaló, acquistato dal Braga per 15 milioni. “Più competizione c’è, meglio è per la squadra. La squadra avrà un posizionamento migliore se ci sono più giocatori di alto livello. Sono situazioni normali, c’è una sana competizione e daremo tutto il massimo per essere il più in alto possibile”.

Dopo un periodo di sei anni, il team di Bilbao torna a fare il girone in Europa. “Siamo entusiasti di cominciare questa stagione. È vero che ci saranno molte più partite rispetto agli anni precedenti, per cui ci sono nuovi acquisti, arriva più gente di livello. Alla fine è normale, se partecipi a più competizioni avrai bisogno di più giocatori di livello”, ha affermato.

Sarà possibile gestire contemporaneamente il campionato, la coppa e la Europa League, senza compromettere la prima competizione? “Dobbiamo approntare tutto ciò perché è da parecchi anni che non partecipiamo a un torneo europeo. È importante essere in forma fisicamente, sarà un gran numero di partite, ma abbiamo una squadra numerosa e di qualità, andremo avanti”.

L’Athletic ha terminato l’ultimo campionato al quinto posto, lottando per la quarta posizione. Berenguer crede che la squadra abbia le capacità per competere nuovamente per questo posto in Champions quest’anno. “Abbiamo l’ambizione di posizionarci in alto. È vero che l’anno scorso eravamo molto vicini a raggiungere questo obiettivo. Quest’anno, con un team più matura e con nuovi volti, saremo vicini a ottenere quei posti”, ha dichiarato. Infine, ha immaginato un’immagine per la conclusione della stagione 24-25, in maggio: “Vincere un altro titolo con l’Athletic”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Arteta’s Arsenal si aggregherà alla serie di aspiranti per Merino

Stage Front nega le affermazioni dell’Espanyol