Pozzovivo: “Mi piacerebbe continuare a correre per la Qhubeka-NextHash”

Le parole del ciclista 38enne, al termine della prima stagione con il team sudafricano

Domenico Pozzovivo ha raccontato, in un’intervista a OAsport, il suo ultimo anno: “Il Giro di Lombardia è stato faticoso, sono un po’ stanco ma la stagione è finita. Fino a fine mese continuerò a pedalare, anche se a ritmi più blandi, e per divertimento.

Magari farò qualche uscita in mountain-bike e poi staccherò la spina per un paio di settimane”.

Il futuro non è ancora chiaro: “Mi auguro che la Qhubeka-NextHash riesca a continuare e che quindi si possa trovare qualche soluzione. Mi piacerebbe continuare a correre per loro, anche se devo ammettere che è una notizia abbastanza fresca e quindi non ho neanche pensato di cambiare squadra. Sono fiducioso e spero che tutto si possa risolvere” ha detto il ciclista del team sudafricano.

Pozzovivo è poi tornato sul momento più buio nella sua carriera da ciclista: “E’ stato sicuramente l’incidente nell’agosto 2019 quando mi stavo allenando prima della Vuelta. In quel momento ho avuto paura di morire. Non ho rimpianti, devo dire che sono sempre stato molto esigente con me stesso e di conseguenza ho sempre cercato di dare il massimo senza mai mollare”.

“Io e Vincenzo siamo sempre stati avversari sin dalle categorie giovanili.

Negli ultimi anni però ci siamo molto avvicinati, abitiamo a pochi chilometri e in bici siamo confidenti l’uno dell’altro. Nei momenti di difficoltà sappiamo come aiutarci, ma siamo molto competitivi. Infatti quando ci alleniamo insieme spesso c’è l’indole a sfidarsi” ha chiosato.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Fischi a Donnarumma, Acerbi non ci sta

Nash: “Dobbiamo abituarci a fare a meno di Irving”

Leggi anche
Contents.media