Come approfondire la pratica yoga sfidando sé stessi

Approfondisci la pratica yoga con nuove sfide personali: dal ridere ad alta voce fino al collaborare con il proprio partner.

La prima lezione di yoga potrebbe essere stata illuminante, ma alla lunga praticare questa disciplina potrebbe finire con l’annoiare. Come approfondire la pratica yoga significa portare la propria posizione preferita ad un livello successivo e anche più stimolante.

Come approfondire la pratica yoga: 10 sfide

Per ravvivare la propria routine ecco una o più sfide yoga da provare.

1: Praticalo all’aperto

Con le pose che prendono il nome dagli animali, la vita all’aria aperta sembra un luogo naturale per praticare lo yoga. Spostare il tappetino nella natura significa affrontare superfici irregolari, distrazioni visive e persino occasionali rovesci di pioggia, che possono mettere alla prova la concentrazione e l’impegno. David Good, istruttore di yoga di Toronto, afferma che:

Cambiare la qualità dell’ambiente circostante può cambiare la tua visione dello yoga e riportarti al motivo per cui lo ami.

2: Sfida la gravità

Lo yoga in sospensione, grazie all’utilizzo di un’imbragatura, ti consente di assumere pose più impegnative come le verticali e i piegamenti all’indietro che sono spesso difficili da ottenere a terra. In tale senso un’esperienza particolarmente interessante può essere quella dello yoga aereo, disciplina che presente molti benefici.

Beatrix Montanile, proprietaria del Flying Yogi a Toronto, afferma:

Le persone con polsi deboli possono avere difficoltà a sopportare il peso sulle mani [mentre] fanno il cane a testa in giù. L’imbracatura fornisce il supporto dell’anca per consentire di aprire maggiormente i flessori dell’anca senza dover esercitare molta pressione sulle mani.

3: Partecipa a un ritiro yoga

Sempre Good afferma che:

A casa, inserisci la tua pratica yoga nella tua vita frenetica quotidiana.

I ritiri consentono di concentrarsi esclusivamente sulla pratica dello yoga senza preoccuparsi degli impegni giornalieri. Offrono tipicamente da due a sette ore di pratica e meditazione al giorno. Chiedi un programma in modo da assicurarti che il ritiro corrisponda alle tue esigenze. Non devi necessariamente volare in un luogo esotico per fare un ritiro. Spegni il cellulare e pianifica il tuo ritiro per il fine settimana nella tua città.

4: Collaborare

Anche se spesso considerato una pratica individuale, lo yoga significa “unione”, rendendolo l’attività perfetta da fare con un partner. Praticare con un partner può approfondire il legame emotivo.

Temmi Ungerman Sears, che conduce seminari di yoga partner nel suo studio di Toronto denominato Yoga Buds, afferma che il 93% del nostro contenuto emotivo viene trasmesso in modo non verbale. Pose come le flessioni in avanti e all’indietro, che vedono i partner collegare le braccia mentre sono seduti schiena contro schiena, consentono ai partner di usare il corpo l’uno dell’altro per una maggiore stabilità e ottenere un allungamento maggiore di quello che si otterrebbe da soli.

5: Ridere ad alta voce

Incorporare la respirazione yoga dolce, chiamata pranayama, con la risata offre seri benefici per la mente e il corpo. Ridere rilascia endorfine benefiche, che migliorano l’umore e alleviano la depressione.

Le lezioni di yoga della risata di solito iniziano con un canto di “ho, ho, ha, ha, ha!” seguiti da esercizi che inducono risate e tecniche di respirazione profonda per espandere la capacità polmonare e riossigenare il corpo. Sophie Terrasse, istruttrice di yoga della risata di Ottawa, dice:

Quando ridiamo, espiriamo.

Ridere ha anche alcuni benefici per il fitness. Terrasse dice:

Ridere diventa un vero sport quando si ride di pancia per 10 minuti o più.

6: Chiudi gli occhi

Eliminando la capacità di vedere te stesso o gli altri, lo yoga bendato richiede uno spostamento interno, forzando una connessione più profonda con il corpo. Yasmin Gow, un istruttore di Montreal che conduce seminari di yoga con gli occhi bendati in tutto il Canada, afferma:

La benda ti consente di lasciar andare le tue insicurezze sull’essere in un gruppo di persone in modo da poter esplorare versioni più semplici o più avanzate delle posture senza paura del giudizio [da te stesso o dagli altri.

Se non riesci a trovare un seminario di yoga con gli occhi bendati vicino a te, potrebbe bastarti chiudere gli occhi durante la tua pratica e ciò potrebbe darti la stessa esperienza sensoriale.

7: Diventa un insegnante in formazione

Non devi necessariamente voler diventare un istruttore di yoga per iscriverti a un programma di formazione per insegnanti. Uscirai dal programma con una maggiore comprensione della storia dello yoga e avrai l’opportunità di provare molte variazioni sulle pose tradizionali che ti aiuteranno ad approfondire la tua pratica.

8: Prova lo yoga stand-up paddle board

Metti alla prova la tua forza e la stabilità del core portando il tuo yoga in acqua. Anche alcune delle posture più semplici come Warrior 1 possono essere molto impegnative su un materassino galleggiante.

Oltre ai benefici fisici, praticare lo yoga sull’acqua può approfondire la tua pratica spirituale. Kristy Wright di SUP Yoga Vancouver, afferma:

Essere sull’acqua o vicino all’acqua può calmare la mente.Q

Quando ti trovi nella savasana, puoi mettere i piedi o le mani nell’acqua per una connessione più profonda.

Il SUP yoga è praticato idealmente quando c’è poco vento e l’acqua calma.

9: Iscriviti a una sfida di 30 giorni

Metti alla prova il tuo impegno praticando yoga ogni giorno per 30 giorni consecutivi. Sempre Good dice:

Ti imbatterai spesso in te stesso, pensando al motivo per cui non dovresti esercitarti.

Gli studi che gestiscono queste sfide in genere scrivono i nomi degli studenti su un muro, assegnando un adesivo dopo ogni giorno di pratica come rappresentazione visiva del progresso verso l’obiettivo.

10: Abbandona i vestiti

Togliersi i pantaloni da yoga in una stanza piena di estranei può sembrare più ansiogeno che anti-stress, ma Chris McBain, istruttore di yoga nudo di Edmonton, afferma che tale azione genera maggiore sicurezza e un’immagine del corpo più positiva.

Offre una sfida psicologica per entrare nella tua forma più pura, qualcosa che può intimidire in una società in cui [abbiamo] così tante strade per un’immagine negativa del corpo

Come approfondire la pratica yoga: diventa insegnante

Essere dall’altra parte della cattedra può essere un’esperienza gratificante, ma richiede un impegno serio.

Bisogna seguire alcuni suggerimenti per trovare il programma di formazione per insegnanti giusto per se stessi.

  1. Guardarsi intorno. Visita tutti gli studi di yoga che offrono programmi di formazione nella tua zona. Prendi lezioni con gli istruttori che guideranno il programma per assicurarti che il loro stile sia poi consono col tuo.
  2. Rimanere o andare all’estero? Se sai di voler insegnare nella città in cui vivi, restare nella zona potrebbe essere più vantaggioso. “Puoi andare in India, ma quando torni nessuno sa chi sei e quale formazione hai ricevuto”, dice David Good, un istruttore di yoga che consiglia i tirocinanti degli insegnanti. I proprietari di studi hanno maggiori probabilità di assumere i propri laureati che insegnano nello stile del loro studio.
  3. Chiedi informazioni sul supporto post-formazione. Un programma di tutoraggio che ti sosterrà nella ricerca di un impiego o nel proseguimento della tua istruzione è una risorsa inestimabile per un programma di formazione.
  4. Avere una pratica regolare. I programmi di certificazione sono in genere più di 200 ore di istruzione e lavoro pratico. Secondo Good è importante essere allenati, onde evitare infortuni durante la formazione.
  5. Non smettere di imparare. La certificazione è solo il primo passo. Rimani aggiornato con le tendenze del settore partecipando a corsi di formazione continua. Ricorda, insegnare lo yoga è un processo di apprendimento permanente.

LEGGI ANCHE: Yoga flow: cos’è e tutto quello che c’è da sapere

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come correre nel modo giusto: l’importanza del pre e post corsa

La storia delle Olimpiadi: dalla nascita ai giorni nostri

Leggi anche
Contents.media