Ferrari, il giudizio di Cesare Fiorio su Sainz e Leclerc

L'ex team manager: "La power unit di Maranello è migliorata, adesso serve una macchina competitiva".

Ai microfoni della Gazzetta dello Sport, Cesare Fiorio ha detto la sua sulla coppia Sainz-Leclerc: “La Ferrari ha sposato la linea giovane e penso che sia stata la scelta migliore che potesse fare. Per arrivare in alto, questi ragazzi hanno dovuto vincere tante battaglie nelle categorie minori, diventando aggressivi e determinati.

L’esperienza oggi conta sempre meno”.

“Mi ricorda che anch’io ho avuto un figlio d’arte. Henri Toivonen, uno dei più forti di sempre, era figlio di Pauli, il primo pilota professionista messo sotto contratto dalla Lancia. Fu lui un giorno a dirmi: “Mio figlio va molto forte”. Ed era davvero così. Lo stesso credo abbia fatto papà Sainz crescendo Carlos nella cultura dell’essere competitivo, seguendo l’esempio di famiglia. Sarà un osso duro per tutti”.

Ultime parole su Leclerc: “Non credo sia infastidito da questa nuova sfida in casa, sono convinto che per lui sarà una grande motivazione. È evidente che Sebastian Vettel non abbia reso al meglio contro Charles, piombando in una lunga crisi quando ha capito che le prestazioni del compagno di squadra erano migliori, senza riuscire più a esprimere il suo potenziale”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mercato Inter, parte l’assalto a Muriel: la mossa di Marotta

Milan su Cistana, la risposta del giocatore

Leggi anche
Contents.media