Finale Coppa Italia Atalanta-Juventus: curiosità e statistiche

Tutto è pronto per la finale di Coppa Italia tra Atalanta-Juventus che andrà in scena al Mapei Stadium.

C’è grande attesa per la finale di Coppa Italia tra Atalanta-Juventus. In palio ben più di un trofeo. Per la Dea, in gioco il primo titolo della storia recente; per i bianconeri quello che potrebbe valere il riscatti in un’annata piuttosto negativa rispetto alle precedenti.

Finale Coppa Italia Atalanta-Juventus: quando si gioca

Dopo essersi sfidate in campionato, Atalanta e Juventus si scontreranno nella finale di Coppa Italia. La gara si giocherà alle 21.00 di mercoledì 19 maggio e, per la prima volta nella storia, sarà il Mapei Stadium di Reggio Emilia l’impianto ospitante.

La partita sarà trasmessa in diretta su Rai Uno e, quindi, sarà visibile in chiaro per tutti gli appassionati. In alternativa si potrà vedere il match in streaming grazie al servizio Rai Play.

Rispetto a quanto avvenuto per tutto l’arco della stagione, ci sarà il pubblico.

Ad assistere a questa importante partita ci saranno 4000 spettatori, con accesso ai vaccinati, ai guariti di Covid e a chi farà un tampone 48 ore prima dell’evento.

Finale Coppa Italia Atalanta-Juventus: curiosità

Senza sbilanciarci su possibili pronostici, andiamo a scoprire ora qualche dato statistico e qualche curiosità sulla finale di Coppa Italia e soprattutto su Atalanta e Juventus.

La Dea ha raggiunto la finale di Coppa Italia per la seconda volta nelle ultime tre stagioni. In precedenza, in tutta la sua storia, ci era riuscita solamente in altre tre occasioni. L’unica vittoria dell’Atalanta risale alla lontana stagione 1962-63, quando i nerazzurri furono capaci di battere il Torino. Nella finale più recente, quella giocata all’Olimpico nel 2019, la squadra di Gasperini ha perso per 2-0 contro la Lazio, dopo aver eliminato in semifinale proprio la Juventus.

Per quanto riguarda i bianconeri, invece, sono loro a guidare la classifica riguardante l’albo d’oro della Coppa Italia. Sono ben 13 i successi fin qui ottenuti su 19 finali giocate. La Juventus non alza questo trofeo dal 2018, quando vinse per 4-0 contro il Milan. Nell’ultima edizione, invece, i bianconeri hanno perso in finale contro il Napoli ai calci di rigore.

Di recente, inoltre, la Juventus ha perso solo una delle ultime 17 gare giocate in questa competizione – 12 vittorie e 4 pareggi per il resto -. La sconfitta è stata proprio quella contro l’Atalanta: 3-0 a Bergamo nel ritorno della semifinale dell’edizione 2018/2019.

Un tabù da sfatare per la squadra di Gasperini è quello dei gol in finale. I nerazzurri, infatti, hanno fatto appena 3 gol nelle quattro finali giocate, tutti segnati da Domenghini nella sfida vinta per 3-1 contro il Torino nel 1963.

A proposito di allenatori, il mister della Juventus Andrea Pirlo potrebbe diventare il quarto a vincere la Coppa Italia con la maglia bianconera sia da giocatore che da allenatore. Prima di lui ci sono riusciti Luis Monti, Carlo Parola e Dino Zoff.

Dal canto suo, Gian Piero Gasperini, all’età di 63 anni e 113 giorni, potrebbe diventare il tecnico più anziano a vincere per la prima volta la Coppa Italia, nonché il secondo più anziano della storia ad alzare questo trofeo, dietro a Nereo Rocco che ci era riuscito a 65 anni e 62 giorni col Milan nel 1977.

Finale Coppa Italia Atalanta-Juventus: le squadre

Per la finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus sono ancora tanti i dubbi relativi alle due formazioni che andranno in campo. La Dea di Gasperini potrebbe puntare sul 3-4-2-1 o il 3-4-1-2. Molto dipenderà dalla volontà del tecnico di schierare insieme i due attaccanti colombiani Luis Muriel e Duvan Zapata.

Per quanto riguarda la Juventus, invece, ci sarà Gianluigi Buffon in porta quasi certamente. Mentre l’attacco sarà affidato all’uomo delle finali: Cristiano Ronaldo. Con lui potrebbe esserci Paulo Dybala e non Alvaro Morata, non al top della forma. In difesa dovrebbe esserci spazio per de Ligt e Bonucci.

Scritto da Andrea Medda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chi è Andrej Rublev, il tennista russo numero sette al mondo

Perinetti: “Mourinho vero grande colpo della Roma”

Leggi anche
Contents.media