Inter, Steven Zhang spiega l’addio di Antonio Conte

Il presidente nerazzurro: "I nostri differenti punti di vista sulla situazione hanno portato alla separazione".

In una lunga intervista concessa alla Gazzetta dello Sport, Steven Zhang ha parlato dell’addio di Antonio Conte: “Sin dal primo momento in cui abbiamo rilevato l’Inter abbiamo pensato che Conte sarebbe stato il tecnico migliore per il nostro progetto.

Due anni fa siamo riusciti finalmente a portarlo in nerazzurro. Io ero e resto convinto che Conte sia un tecnico vincente: è la ragione che ci ha portato a investire tanto su di lui e sulla squadra negli ultimi due anni.

Già la scorsa estate la pandemia aveva notevolmente colpito i nostri ricavi ma abbiamo continuato con lui, concentrandoci sulla stagione convinti che potessimo vincere. La decisione è stata giusta. Ma ora il conto portato dalla pandemia è tale che non possiamo non rivedere la situazione cercando dei risparmi che riportino a un prossimo equilibrio di bilancio.

“Dobbiamo necessariamente ridurre i costi e controllare i rischi. Questo ovviamente influenza anche le strategie di calciomercato. I nostri differenti punti di vista sulla situazione hanno portato alla separazione. Quello che non era fondamentale per lui, lo era per il club.

E viceversa. Conte è un top coach, ma come presidente devo pensare alla solidità della società”.

Al suo posto è arrivato Simone Inzaghi dalla Lazio: “Ha dimostrato in questi anni di essere un tecnico di valore e di esperienza, ha le qualità per tenere competitivo il nostro club, che è ciò che vogliamo, ma cooperando con noi per far sì che l’Inter resti una società solida e senza rischi. Conosce il nostro progetto, lo ha sposato e siamo molto felici di averlo qui sperando di poter vincere insieme”.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Raspadori: “Io come Paolo Rossi? Sarebbe tanta roba”

Gazidis su Donnarumma: “Ci sono alcune ragioni dalla sua parte”

Leggi anche
Contents.media